facebook rss

Visite ai congiunti
nelle zone di confine,
“sbloccato” anche l’Abruzzo

ACCORDO con le Marche per quanto riguarda le province di Ascoli e Teramo
Print Friendly, PDF & Email

firma-ceriscioli-325x240

Luca Ceriscioli

 

Dopo gli accordi con Emilia e Umbria le Marche oggi hanno firmato anche quello con l’Abruzzo per permettere ai congiunti nelle province confinanti di potersi vedere. A sottoscrivere l’accordo Luca Ceriscioli, governatore delle Marche e il collega abruzzese Marco Marsilio. La comunicazione è stata inviata ai prefetti di Ascoli e Teramo, le due province coinvolte dal provvedimento. I “congiunti” che abitano in quelle zone potranno spostarsi e vedersi da domani (23 maggio).

«Con questo provvedimento diamo una risposta alle tante persone che in questi mesi non sono riusciti a incontrare i propri congiunti, pur vivendo a pochi chilometri di distanza, a causa dei confini geografici. Un primo passo verso un ritorno alla normalità, seppure con le dovute e necessarie precauzioni da rispettare, a cui richiamo ancora una volta ogni cittadino», dice Marsilio. Ceriscioli aggiunge: «Proseguiamo gradualmente con le riaperture, non solo delle attività, ma anche degli spazi per i cittadini e la visita ai congiunti di province confinanti di altre regioni, dopo mesi di chiusura, può essere considerata come un motivo di necessità, anche considerando il fatto che le persone appartenenti a province di confinanti di regioni diverse sono distanti a volte solo pochi chilometri, o addirittura poche centinaia di metri le une dalle altre».

Accordo Marche-Emilia Romagna: «Via libera alle visite tra congiunti»

Sbloccati gli spostamenti extra regione: «Si può andare fuori dalle Marche ma solo in una provincia confinante»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X