Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

«Oltre la metà dei positivi nelle Marche
non mostra alcun sintomo»

IL GORES sui nuovi casi di Covid rilevati tramite tampone tra il 10 e il 21 maggio. Nel 23% i contagiati hanno sintomi inferiori a quelli tipici e nel restante 24% li ha lievi

coronavirus-covid-650x437

 

«Nel 52,6% dei casi, i positivi al Covid sono persone asintomatiche» dice il Gores che fa chiarezza sui tamponi, in questo caso le percentuali riguardano i test eseguiti dal 10 al 21 maggio, rispondendo ad una notizia apparsa sul Corriere della sera oggi: «Non corrisponde a verità il dato riportato oggi dal Corriere della Sera secondo cui la Regione Marche da un giorno all’altro, ha iniziato a conteggiare e comunicare solo i casi dei pazienti sintomatici». Il Gores spiega che i casi positivi nelle Marche, gli stessi che vengono inseriti quotidianamente nel database predisposto dall’Istituto superiore di Sanità, «risultano essere tutti i nuovi casi rilevati con primo tampone positivo, senza distinguere la presenza o meno di sintomatologia, la quale viene valutata attraverso l’indagine epidemiologica». La percentuale dei casi rilevati dal 10 di maggio al 21 maggio, dice il Gores, si distribuisce così: il 52,6% dei positivi rilevati risultano essere da persone asintomatiche, il 23,1% dei casi positivi risultano essere da persone che mostrano pochi sintomi rispetto a quelli consueti delle malattia (pauci-sintomatici) e il 24,4% risultano da persone con sintomatologia lieve sintomatica. «Analizzando la distribuzione nel tempo dello stato clinico dei soggetti con primo tampone positivo si rileva la seguente distribuzione: i soggetti asintomatici dal 15 di maggio risultano essere una media del 66,7% dei casi rilevati – dice il Gores -, i soggetti pauci-sintomatici dal 15 di maggio risultano essere il 33,32% e i soggetti con indicato stato clinico lieve non si rilevano negli ultimi 7 giorni. Con l’aumento delle guarigioni in un primo momento e poi con la sperimentazione dei test sierologici, a questo percorso diagnostico si sono aggiunti il percorso guariti (verifica del doppio tampone negativo) e il percorso sierologico (verifica dei risultati positivi al test attraverso tampone)».

 

Articoli correlati




© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X