facebook rss

Nuovo campus scolastico
di Cupramontana: al via i lavori

POST SISMA - L'edificio avrà 16 aule, laboratori, aree comuni e aree riservate ad uffici. L'importo complessivo dei lavori si attesta sui 5.100.000 euro finanziati con fondi per la ricostruzione e in parte con fondi della Regione Marche
Print Friendly, PDF & Email

Il rendering del nuovo polo scolastico di Cupramontana

 

Nuova sede dell’Istituto Comprensivo “L. Bartolini” di Cupramontana: il 15 maggio scorso è stato firmato il contratto con la Ditta Lattanzi s.r.l. di Roma per la realizzazione. «È stato un percorso lungo e non privo di ostacoli, ma possiamo dire con orgoglio di essere uno dei primi Comuni dell’area interessata al sisma che ha portato a compimento la fase della progettazione e dell’affidamento dei lavori di una fondamentale opera pubblica.- osserva il sindaco Luigi Cerioni – Dopo le prime scosse del sisma dell’ottobre 2016, già nell’assemblea pubblica del 7 novembre 2016, l’Amministrazione comunale comunicava della volontà di realizzare un nuovo plesso scolastico e dell’avvio di un concorso di idee per avviare subito la fase progettuale. Così è stato, da quel concorso, a cui hanno partecipato 19 studi tecnici di tutta Italia, è uscita vincitrice un’idea progettuale realizzata dallo studio dell’ing. Dante Fabbioni di Grottammare. Importo complessivo dei lavori 5.100.000 euro finanziati con fondi per la ricostruzione e in parte con fondi della Regione Marche». Della necessità di spostare la sede dell’Istituto Comprensivo a Cupramontana si parla dagli anni ’70 del secolo scorso; già allora si erano evidenziate le insufficienze dell’edificio esistente e le criticità derivanti dalla sua collocazione nel centro storico. La realizzazione del nuovo Istituto Comprensivo costituisce il punto essenziale del Campus Scolastico, insieme alla vicina sede della Scuola Materna “C. Corradi”, al Palazzetto dello Sport e al Campo Sportivo.

«Il campus sarà un punto di eccellenza della comunità cuprense e, quel che più conta, lo strumento per operare in sicurezza e al meglio per la formazione delle giovani generazioni.- prosegue Cerioni – L’edificio, della superficie lorda di 3.220 mq, avrà 16 aule, laboratori, aree comuni e aree riservate ad uffici; la distribuzione degli spazi e tutta l’idea progettuale sono state concepite guardando alla didattica più recente. Il primo fondamentale passo è stato fatto, ora l’impegno sarà seguire tutte le fasi della costruzione dell’opera. E l’impegno sarà rendere fruibile l’attuale sede scolastica che rimane un importante edificio del nostro centro storico. I suoi spazi dovranno essere assegnati, a condizioni di estremo favore, a artigiani, studi professionali, startup, ecc..; dovremmo fare in modo che diventino un polo attrattivo per creare occasioni di investimento e di sviluppo. L’avanzato stato di esecuzione dei lavori di posa in opera della fibra ottica, con la contestuale integrale sostituzione dell’impianto di illuminazione pubblica con corpi illuminanti a basso consumo energetico, ci pongono nelle migliori condizioni per essere attrattivi per chiunque voglia accettare la sfida di costruirsi il proprio futuro; siamo al centro di un sistema che ci vedrà connessi con ogni altro luogo. Questo è il nostro presente e in questo investiamo perché possa esserci il nostro futuro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X