facebook rss

Parco Kennedy, 30mila euro
per la riqualificazione

FALCONARA – I fondi stanziati dalla Regione permetteranno anche di realizzare la teleferica e l’arrampicata per bambini, un punto ristoro e nuove piantumazioni in tutta l’area
Print Friendly, PDF & Email

L’assessore Valentina Barchiesi durante l’avvio dei lavori per l’illuminazione

 

 

Nuovi percorsi pedonali, giochi, arredi, e ancora piantumazioni di alberi e arbusti fioriti, da valorizzare con una cartellonistica che faccia comprendere il valore delle essenze arboree, così da trasformare le aree verdi in aule didattiche. Sono gli ingredienti del progetto di riqualificazione del parco Kennedy, che ha appena ottenuto un contributo di 30mila euro dalla Regione Marche. Il planning, diviso in tre lotti, si è infatti classificato al quarto posto a livello regionale nell’ambito del bando per la realizzazione di progetti di ‘Infrastrutture verdi’. L’obiettivo è quello di migliorare il più importante parco cittadino dando continuità alle diverse aree e arricchendolo di elementi capaci di stimolare sensi e curiosità in chi lo attraversa. E’ prevista la rigenerazione dei tappeti erbosi, la messa a dimora di circa 40 arbusti verdi e di 10 alberi. Una delle priorità è anche quella di agevolare l’accessibilità e la fruizione dell’area verde da parte di persone con difficoltà motorie.

Tra le novità previste, la creazione di un percorso fitness, l’installazione di giochi inediti come la teleferica e una piramide per l’arrampicata con le corde e la predisposizione di un chiosco di ristoro per i frequentatori del parco, che rappresenterà un presidio anche a tutela della sicurezza. In generale saranno rinnovati gli arredi con nuove panchine e cestini e tutti i giochi per bambini, ormai obsoleti. La stessa area giochi diventerà più inclusiva: sarà migliorata con una superficie pavimentata, drenante e antitrauma che permetterà anche ai bimbi disabili di utilizzarla. La zona dell’anfiteatro sarà destinata a spazio ludico per spettacoli, con l’utilizzo di nuovi materiali ed essenze vegetali. I percorsi saranno integrati e risistemati, soprattutto la pavimentazione, così come i tratti dei sentieri esistenti, specie quelli a monte ai bordi del bosco, mentre l’accesso sarà previsto soltanto nella parte bassa e pianeggiante. I lavori per la ripavimentazione, la sostituzione di giochi e arredi e la piantumazione di nuove essenze partiranno nei prossimi giorni, nel frattempo questa settimana è stato avviato l’intervento per il potenziamento dell’illuminazione pubblica. Gli operai sono già al lavoro nell’area destinata ai giochi per bambini e il progetto si estenderà anche nella parte più alta, per migliorare l’illuminazione nell’area cani.

«Quello del parco Kennedy – afferma il sindaco Stefania Signorini – rappresenta il primo di una serie di interventi di recupero e di potenziamento del verde che l’amministrazione intende realizzare nel corso del mandato, dalla manutenzione delle aree esistenti alla realizzazione dei boschi urbani, fino agli interventi diffusi su tutto il territorio per la piantumazione di essenze per sostituire quelle danneggiate o abbattute». «Il progetto di riqualificazione del parco Kennedy – spiega l’assessore all’Ambiente Valentina Barchiesi – non è un progetto isolato, ma si inserisce in un percorso di pianificazione partito con lo studio del verde con funzioni ecosistemiche, anch’esso presentato alla Regione Marche. Questo studio ha permesso di elaborare le linee guida per permettere all’amministrazione di programmare gli interventi di gestione verde differenziandoli a seconda della funzione. Nell’ambito dello studio, è stato possibile ottenere nel 2019 la collaborazione di quattro disoccupati over 30 grazie a borse lavoro regionali: i professionisti hanno gettato le basi per pianificare una serie di interventi per il miglioramento del verde e della connessione con il tessuto urbano. Quest’anno con lo stesso progetto sono arrivati altri cinque disoccupati over 30, cui se ne aggiungono due del servizio civile, impegnati nel censimento del patrimonio arboreo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X