facebook rss

«Via il divieto d’accesso
per i cani a Piazza Nuova»

OSIMO - La lista Ecologia e futuro presenterà un ordine del giorno a tema da discutere nella seduta consiliare del prossimo 30 giugno. «La normativa nazionale non lo prevede, obbliga solo i proprietari dell'animale all'uso del guinzaglio e della museruola» spiega il consigliere Tommaso Spilli
Print Friendly, PDF & Email

La passeggiata di Piazza Nuova

 

«Capita spesso, che i padroni di cani, durante una camminata per il centro storico realizzino che, purtroppo, non è possibile entrare all’interno dei giardini di Piazza Nuova e debbano interrompere la camminata, perché è vietato l’accesso ai cani, non potendo godere del bellissimo panorama che si può ammirare dalle mura di Osimo.

I giardini di Piazza Nuova di Osimo (foto Bruno Severini)

Questo divieto è presente da molti anni e cita testualmente “Vietato l’accesso ai cani anche con guinzaglio” già da via Saffi. Fa strano vedere un divieto per l’accesso ai cani in un’area pubblica all’aperto, per lo più nel 2020, dove ormai i nostri amici pelosi fanno sempre più parte delle nostre famiglie e possono entrare quasi ovunque». L’osservazione arriva dal consigliere comunale Tommaso Spilli  che annuncia un ordine del giorno a tema di Ecologia e Futuro, la lista di maggioranza da lui rappresenta nella Sala Gialla, da discutere nella seduta consiliare del prossimo 30 giugno e che avrà come obiettivo proprio la rimozione del divieto.

Tommaso Spilli

«A livello nazionale, l’accesso dei cani nei luoghi pubblici e aperti al pubblico è disciplinato dal Regolamento di Polizia Veterinaria, che prevede “l’obbligo di idonea museruola per i cani non condotti al guinzaglio quando si trovano nelle vie o in altro luogo aperto al pubblico”. – osserva ancora Spilli – Tuttavia, le leggi regionali o i regolamenti comunali possono stabilire norme specifiche sulle modalità di accesso e permanenza con il cane nelle zone del verde pubblico. Come appena citato, il Regolamento di Polizia Veterinaria non vieta l’accesso agli animali all’interno di queste aree e il Regolamento del Verde del Comune di Osimo non vieta in modo assoluto l’accesso ai cani nel parco pubblico, per cui non c’è motivo di mantenere l’attuale divieto. In altre parti d’Italia si è lottato contro questa limitazione alla libertà, tra gli esempi più significativi vi è la sentenza del Tar Puglia (sentenza 16 marzo 2018, n.359) che ha ritenuto troppo limitativa un’ordinanza sindacale che vietava in modo assoluto l’introduzione di cani, anche se custoditi, in area pubblica. L’esito positivo della votazione da parte dei consiglieri, forse, riuscirà a togliere la restrizione attuale per restituire una bellissima area del centro storico osimano anche per i cittadini accompagnati dagli amici a quattro zampe, pur sempre nella consapevolezza, da parte dei padroni, di dover pulire ogni deiezione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X