facebook rss

Drive test sulla nuova ciclabile:
comoda ma a tratti pericolosa
(Foto/Video)

ANCONA - Giro di prova sulla pista rossa che collega la stazione al centro città. In alcuni punti, il ciclista deve stare con gli occhi ben aperti: a causa della mancanza di protezioni, il rischio è che qualche mezzo invada la corsia riservata alla bici. La continuità è interrotta dalle fermate dei bus. Non manca poi il parcheggio selvaggio
Print Friendly, PDF & Email

Un tratto della nuova ciclabile

 

di Federica Serfilippi

Comoda, ma insidiosa in alcuni tratti. E’ il primo parziale bilancio della nuova pista ciclabile che, una volta ultimata, dovrà collegare la stazione a piazza Kennedy, diventando un’ideale prosecuzione del tratto di via Giordano Bruno riservato alle bici. Il ‘drive test’ effettuato ieri con un mezzo pieghevole ci ha permesso di rilevare pro e contro del progetto coordinato dal Comune di Ancona insieme alla società Mobilità & Parcheggi. In linea di massima, la pista è comoda, perchè rappresenta un modo alternativo per raggiungere il cuore di Ancona in pochi minuti, consentendo anche al ciclista di avere un colpo d’occhio non indifferente sul porto e sul colle Guasco. Ci sono dei però, rappresentati da alcuni pericoli che il ciclista non può ignorare. Anzitutto, ci sono dei tratti scoperti, dove il ciclista non è protetto dal traffico che imperversa lungo la strada. Parliamo del confine tra via Marconi e via XXIX settembre e dove si trova l’ingresso per accedere alla Mole. C’è solo una linea dipinta sull’asfalto a dividere la pista dalla corsia dove passano auto, motorini e bus. Nel caso un mezzo sbandasse o si allargasse verso la ciclabile, si creerebbe un serio rischio per il ciclista, alle prese con un possibile investimento. In altri punti, invece, è protetto dalla fila di veicoli parcheggiati tra la pista e la carreggiata dove passano i mezzi a motori. E’ il caso del tratto centrale di via Marconi, quello compreso tra il parcheggio degli Archi e l’incrocio per l’ingresso al porto.

Un tratto di via Marconi

Un’altra incognita: a volte, forse troppo spesso, la corsia rossa si interrompe a causa delle fermate dei bus. Dunque, il ciclista deve stare particolarmente attento e avere sempre un occhio rivolto verso lo strada. La situazione si complica quando la direzione di marcia della bici è dal centro verso la stazione. I mezzi pesanti arrivano alle spalle del ciclista, come per esempio avviene per la fermata che si trova proprio sotto il viadotto di via Mattei. Un altro rischio è rappresentato proprio dai veicoli che dal bypass di immettono lungo via Marconi in direzione della rotatoria di piazzale Italia. In quel caso, il ciclista è obbligato a fermarsi se non vuole tentare la sorte e rischiare di essere abbattuto. Una delle impressioni avute è che la pista manca di continuità proprio a causa di alcuni tratti a rischio e delle fermare dei bus.  E’ una ciclabile segmentata. C’è da dire che non è conclusa, i lavori sono ancora in corso. E non  è quindi detto che a progetto ultimato non vengano istallate delle protezioni (tipo guardrail in plastica o paletti) per tutelare un po’ meglio chi desidera recarsi in città con un mezzo green e sentirsi sicuro lungo una strada trafficatissima, dove non è raro vedere auto che sfrecciano a velocità sostenuta. Servirebbe poi un po’ più di civiltà: ieri, durante il giro, c’erano mezzi parcheggiati in mezzo alla pista. Simile situazione  lungo la ciclabile di via Giordano Bruno con pedoni che, probabilmente disabituati a vedere biciclette in transito, occupano gran parte del tratto riservato ai pedali. L’asfalto della pista è ormai scolorito. I tombini, seppure piccoli, rappresentato un problema di dislivello per chi possiede una city bike o una pieghevole. In alcuni punti (dove ci sono per esempio gli incroci) si trovano dei gradini, particolarmente scomodi. Un ultimo appunto: mancano le rastrelliere per parcheggiare le bici. Due piste nel giro di pochi chilometri e nessun appiglio per lasciare i mezzi. Per il resto, le ciclabili sono un’opportunità. Ancona e i cittadini, sperando in qualche accorgimento in più per proteggere chi sceglie la mobilità green, devono solo abituarsi al nuovo ritmo.

Via Giordano Bruno

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X