facebook rss

Punto da una vespa al camping,
turista in shock anafilattico
salvato all’ospedale di Loreto

IL PAZIENTE, un romagnolo di 54 anni che sta trascorrendo le vacanze nella Riviera del Conero, respirava a fatica ed è stato trasportato al Pat in auto dalla moglie. Dopo le cure tempestive ricevute dal medico del 'Santa Casa' è stato trasferito all'ospedale di Civitanova
Print Friendly, PDF & Email

Il Pat di Loreto (foto d’archivio). Dal 2016 il presidio sanitario ‘Santa Casa’ è stato riconvertito in ospedale di comunità perdendo così il Punto di primo intervento che poteva curare i codici rossi

 

 

Una puntura di vespa avrebbe potuto costargli la vita. Nel primo pomeriggio di oggi un turista romagnolo, che sta trascorrendo le vacanze in un camping della Riviera del Conero, è arrivato in codice rosso al Pat dell’ospedale di  Loreto in shock anafilattico e con serie difficoltà respiratorie. Intorno alle 13.30 il 54enne è accompagnato  all’ospedale di comunità ‘Santa Casa’ in auto dalla moglie che ha preferito raggiungere il presidio sanitario più vicino senza richiedere il soccorso dei mezzi del 118. Un’ora prima era stato punto da un imenottero, il cui veleno ha scatenato una violenta reazione allergica. L’uomo è stato salvato grazie alla repentina e mirata terapia a base di adrenalina attuata dal giovane medico neo laureto in servizio al Pat lauretano con il supporto delle due infermiere di turno. Se l’anafilassi non fosse stata trattata nel più breve tempo possibile, infatti, un episodio all’apparenza banale si sarebbe potuto trasformare in tragedia. Quando il quadro clinico è tornato a livelli di quasi-normalità, il paziente, residente a Imola, è stato trasferito in ambulanza all’ospedale di Civitanova Marche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X