facebook rss

Compleanno al tempo del Covid:
figlie, nipoti e pronipoti in piazza
con cori e striscione per nonna Dora

OSIMO – La pensionata compie 89 anni e l’emergenza sanitaria ha sconsigliato il tradizionale pranzo di famiglia. Oggi pomeriggio a sorpresa tutti i suoi affetti si sono presentati sotto le finestre del palazzo del centro storico dove abita intonando insieme ‘tanti auguri a te"
Print Friendly, PDF & Email

Rosalia e Graziella Alocco con figli e nipoti oggi in piazza con lo striscione di auguri per nonna Dora

 

Festa a sorpresa, in piazza ma a distanza di sicurezza, per nonna Dora. L’osimana oggi compie 89 anni. Ritenendo incauto celebrare la ricorrenza con il tradizionale pranzo di famiglia, le figlie Rosalia e Graziella Alocco  hanno pensato ad un modo originale per meravigliare la loro anziana mamma. Nel pomeriggio si sono presentate con figli e nipoti sotto le finestre del suo palazzo, in piazza del Comune ad Osimo, con uno striscione ed hanno intonato tutti insieme ‘Tanti auguri a te’. Lei si è affacciata alla finestra come la regina Elisabetta d’Inghilterra e, tra commozione ed allegria, ha gradito dai piani alti lo spettacolo organizzato all’impronta e per pochi minuti. «Negli anni scorsi festeggiavamo a casa sua o al ristorante. In questo 2020 con il Covid abbiamo pensato di evitare per tenerla in sicurezza dato che lei vive sola, all’ultimo piano del palazzo che si affaccia su Piazza del Comune. – racconta Rosalia Alocco, attiva nel comitato dei residenti del centro storico (C’Entro) – Mio marito Franco ha avuto l’idea di festeggiare questo compleanno con uno striscione come allo stadio. Per l’occasione si è riunita tutta la famiglia: figlie, nipoti, pronipoti e genero».

«Mamma non sapeva nulla. – prosegue –  Alle 15 di oggi ci siamo dati appuntamento sotto casa sua. Mio marito è salito per farla affacciare alla finestra mentre noi di sotto in piazza aprivamo  lo striscione. Quando l’abbiamo vista comparire alla finestra abbiamo intonato “tanti auguri mamma/nonna Dora” che è il vezzeggiativo con cui la chiamiamo noi in famiglia e gli  amici perché il suo nome di battesimo è Teodora. Non se lo aspettava: si è commossa ed ha cominciato a salutarci con la mano chiamandoci tutti per nome. Per il suo 89esimo compleanno noi ci siamo stati ugualmente, ma a distanza, come se fossimo in curva e lei un campione in campo, come ha sottolineato mio figlio Daniele». La delicatezza del gesto ha convinto anche i meno sensibili ai percorsi dell’anima e sui social media per nonna Dora è arrivata una valanga di auguri e di like.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X