facebook rss

Covid, famiglie più fragili:
arrivano altri buoni spesa

LORETO - «Con la nuova delibera di giunta è stato innalzato il buono a 150 euro per ciascun membro familiare includendo nuclei che hanno redditi non superiori a 700 euro» spiega il sindaco Moreno Pieroni
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

L’amministrazione comunale di Loreto con una delibera di giunta appena approvata riprende, ampliando in misura sostanziale la platea dei soggetti beneficiari, le misure urgenti di solidarietà alimentare e di prima necessità previste come sostegno alle fasce della popolazione più fragile ed esposte all’emergenza pandemica.

Il sindaco Moreno Pieroni 

I ‘buoni spesa’, ha spiegato Nazzareno Pighetti, Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Loreto, presentando il documento in giunta, saranno così concessi ancora ai nuclei familiari che si trovano in condizioni di disagio economico, con difficoltà a sostenere le spese alimentari e di prima necessità. Se il provvedimento rappresenta una sorta di ‘continuum’ istituzionale rispetto a quello della scorsa primavera, nuovi e significativi sono però la quota del bonus, ora più alta e l’allargamento delle fasce della popolazione che potranno avere accesso alle misure, come spiega lo stesso sindaco di Loreto Moreno Pieroni «innanzitutto il ‘bonus’ di 100 euro per ogni soggetto familiare sale a 150, più altri 50 euro per ogni ulteriore componente della famiglia. Inoltre viene innalzata la soglia delle retribuzioni da reddito o pensionistiche mensili che sale da 600 a 700 euro sotto la quali è consentito l’uso del bonus». Gli impegni di spesa per l’attuazione della misura è di 78.122,02 euro, conferma il sindaco, che commenta: «La situazione economica di molte famiglie del territorio, già delicata a causa della prima ondata del Covid19, è diventata ancora più precaria per gli effetti della seconda ondata, che si stanno abbattendo sull’economa locale con una intensità davvero senza precedenti. – aggiunge il sindaco – Sono numerose le famiglie che stanno subendo le conseguenze delle restrizioni, gravi per tutti i Comuni ma ancora di più per Loreto che vive di un economia molto specifica, basata sul turismo spirituale. Per questo, ci siamo impegnati non solo a riproporre il provvedimento della scorsa primavera ma abbiamo trovato il modo per ampliare la platea di persone beneficiarie». Nel dettaglio, possono accedere al ‘bonus spesa’ i nuclei familiari non percettori di reddito derivante da lavoro dipendente il cui datore di lavoro abbia richiesto ammissione al trattamento di sostengo a zero ore o a orario ridotto; il nucleo non percettore di reddito da attività autonoma, il nucleo in condizione di disagio economico segnalato da associazioni del terzo settore, nuclei in carico ai servizi sociali e nuclei interamente privi di reddito. Infine il saldo dei conti correnti bancari o postali per accedere alla misura non dovrà superare la somma di 7.500 euro alla data del 30 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X