facebook rss

Screening di massa:
Osimo prepara il PalaBaldinelli

IL SINDACO Simone Pugnaloni subito dopo Natale convocherà il Coc «per preparare al meglio l'accoglienza» e allestire le postazioni per effettuare i test rapidi con il supporto anche di Polizia locale, associazioni di Protezione civile, Croce Rossa e Misericordia
Print Friendly, PDF & Email

La postazione della Cri di Osimo in supporto del drive through  dei medici di famiglia-Usca sul piazzale della Misericordia

 

 

Covid, Osimo si prepara ad organizzare lo screening di massa utilizzando gli spazi del PalaBaldinelli di Villa. Nel frattempo accoglie (martedì e giovedì) in via Molino Mensa il camper itinerante dell’Inrca per effettuare tamponi nasofaringei per il Covid-19 dove è obbligatorio recarsi (su prenotazione) in automobile. Mentre i medici di medicina generale eseguono i tamponi in drive through e per due ore al giorno presso il piazzale della Misericordia con l’aiuto della Cri e della Protezione civile. Lo screening di massa organizzato dalla Regione, già svolto nei 5 capoluoghi di provincia e in atto al PalaIndoor di Ancona anche dal 27 al 30 dicembre, a seguire coinvolgerà la popolazione delle città con più di 20 mila abitanti (Senigallia, Jesi, Osimo, Fabriano, Falconara Marittima, San Benedetto del Tronto, Porto Sant’Elpidio, Civitanova Marche, Recanati e Fano) e su un target di 698.651 abitanti, per poi proseguire a gennaio negli altri comuni marchigiani con meno di 20 mila abitanti, per un target di 819.749 cittadini.

Il drive through allestito dai medici di famiglia ad Osimo

Lo screening è gratuito e su base volontaria: vengono utilizzati i tamponi antigenici rapidi, che con la facilità di esecuzione e la brevità dei tempi di risposta (15-30 minuti) garantiscono la possibilità di concludere lo screening diffuso in tempi brevi. Ed è coinvolto il personale dell’Asur con la partecipazione del volontariato della Croce Rossa Italiana, delle università, gli ordini professionali, la Protezione Civile, le Misericordie, l’Anpas, i medici specializzandi e gli studenti di scienze infermieristiche. Lo screening è aperto a tutti i cittadini di età superiore ai 6 anni (i minori devono essere accompagnati da un genitore), anche alle persone che soggiornano nei comuni individuati per motivi di lavoro o studio.

Ogni Comune dovrà allestire postazioni ad hoc dove effettuare i test rapidi.«Subito dopo Natale convocherò il Coc per preparare al meglio l’accoglienza verso la piu’ importante attività di prevenzione anti Covid per la quale ringrazio la Regione Marche. – fa sapere il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni – Un ringraziamento speciale all’Asur per averci anzitempo fornito tutte le informazioni necessarie per organizzare l’ospitalità: 150 utenti l’ora, per 10 ore con 10 postazioni da organizzare con l’ausilio del perdonale sanitario e volontario. L’accoglienza e la segreteria spetterà al Comune con l’aiuto di Polizia locale, associazioni di Protezione civile, Croce rossa e Misericordia. Sicuramente sarà effettuata al Palabaldinelli, ma ci confronteremo nei prossimi giorni. A breve verrà comunicata la modalità di iscrizione per i cittadini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X