facebook rss

Cani maltrattati, il M5S:
«Fatto di una gravità inaudita»

L'INTERVENTO delle parlamentari Terzoni e Agostinelli sul caso dell'allevamento scoperto dai forestali a Trecastelli: «Ci chiediamo cosa abbia fatto finora l'Asur». Pronte le interrogazioni alla Camera
Print Friendly, PDF & Email

L’allevamento dove sono stati sequestrati i cani

 

Interrogazioni alla Camera per chiarire quanto accaduto nell’allevamento di Trecastelli dove sono stati salvati dai carabinieri forestali oltre 800 cani, malati e maltrattati. E’ quello che intendono fare nei prossimi giorni le parlamentati del M5S Patrizia Terzoni e Donatella Agostinelli. «Quello che è accaduto a Trecastelli – hanno detto – va oltre ogni immaginazione e costituisce un fatto di estrema gravità, sia per lo stato degli animali sia per i potenziali risvolti di tipo sanitario visto che molti dei cani avevano un agente patogeno che può colpire anche l’uomo. Ci chiediamo quale controllo reale eserciti l’ASUR delle Marche sul territorio visto che ci pare impossibile che per anni una situazione del genere non solo non sia stata risolta per tempo ma che addirittura sia peggiorata. La parola “prevenzione” cosa significa se le situazioni poi arrivano ad implodere letteralmente e serve l’ennesimo intervento sostitutivo della magistratura?». E ancora: «Stiamo già preparando le interrogazioni che depositeremo nei prossimi giorni in Parlamento perché vogliamo capire fino in fondo cosa è stato fatto in questi anni dai servizi veterinari dell’ASUR marchigiana e come stanno gestendo ora gli animali sottoposti a sequestro anche in considerazione della zoonosi di cui sono portatori. Il procedimento attivato dalla Procura farà il suo corso ma vogliamo sapere se esistono responsabilità amministrative nelle strutture pubbliche deputate alla sorveglianza e alla prevenzione. Oltre ottocento cani in quelle condizioni non crediamo possano passare inosservati se si esercita un controllo reale del territorio. Quante ispezioni vengono fatte nelle strutture accreditate nelle Marche ogni anno? Che sorveglianza epidemiologica viene assicurata? Quanti veterinari sono assunti nelle varie strutture e quanti di questi operano sul campo ogni giorno? Queste sono solo alcune delle domande che faremo al Ministero della Salute e all’Assessorato alla Sanità della regione. Ora speriamo che gli animali possano in qualche modo recuperare ed essere trattati in maniera adeguata».

Maltrattati e rinchiusi nell’allevamento I carabinieri sequestrano 859 cani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X