facebook rss

Covid e psicologi nelle scuole:
giornata di orientamento online

ANCONA – Vi parteciperanno i cento vincitori del bando relativo al Protocollo Miur Cnop «per condividere aspetti deontologici, di tutela della professione e di orientamento» spiega la presidente dell’Opm Katia Marilungo
Print Friendly, PDF & Email

Katia Marilungo

 

 

Anche nelle Marche arriva il sostegno psicologico nelle scuole. L’Ordine degli Psicologi delle Marche ha lavorato in sinergia con l’Ufficio Scolastico Regionale per inserire un professionista all’interno di ogni plesso scolastico di ogni ordine e grado. Grande risposta e soddisfazione per il webinar organizzato sabato mattina per accompagnare i professionisti all’interno del nuovo percorso, fondamentale per supportare bambini e ragazzi, insegnanti e famiglie nella ripresa dell’attività scolastica.«Grazie ad una costante e proficua collaborazione con il Dirigente dell’Ufficio scolastico Regionale, Marco Ugo Filisetti, il nostro Ordine ha organizzato una giornata formativa di orientamento e allineamento per gli psicologi scolastici vincitori dei bandi del protocollo Miur-Cnop per condividere aspetti deontologici, di tutela della professione e di orientamento» spiega la presidente dell’Opm Katia Marilungo, operativa a Civitanova Marche. Hanno partecipato al convegno anche la consigliera Segretaria Federica Guercio, referente per la psicologia scolastica, la consigliera Valentina Strippoli, coordinatrice per la Commissione di deontologia, ed il consigliere Alessandro Suardi, coordinatore della Commissione Tutela e promozione della professione.

Ad oggi ogni istituzione scolastica ha avuto dal Ministero dell’Istruzione la possibilità di attivare i servizi di supporto psicologico con un budget di 1.600 euro per il 2020 e di 3.200 euro per il 2021. Una consulenza psicologica all’interno delle scuole non è uno strumento utile soltanto allo studente, supportandolo durante tutte le fasi legate alla diffusione del coronavirus, ma si dimostra un valido aiuto per il personale scolastico, per i docenti e non ultimo per le famiglie, che si ritrovano a dover gestire numerose incognite. Prevenire traumi e disagi legati alla pandemia tuttora in corso, e quindi anticipare l’insorgenza di forme di disagio o malessere psico-fisico tra gli studenti di ogni età, è lo scopo principale del protocollo ministeriale. A giugno, al termine dell’anno scolastico, sarà cura dell’Ordine regionale degli Psicologi stilare un report per fotografare la situazione psico-fisica in cui versano gli studenti marchigiani assistiti durante l’anno scolastico.«Con il percorso di assistenza psicologica all’interno delle scuole, siglato lo scorso anno ed ora in piena attuazione, non vogliamo soltanto iniziare un nuovo percorso psicologico in età scolare, – precisa la Presidente Marilungo – ma al contrario intendiamo guardare al Protocollo Miur Cnop come al nuovo volàno per accelerare l’approccio psicoterapico negli istituti scolastici. Proprio in tal senso ho già iniziato a tessere rapporti con i referenti della Regione Marche per poter interloquire nell’ottica dell’inizio di un percorso continuativo. Auspico pertanto che il Protocollo stilato in piena emergenza coronavirus possa essere soltanto l’inizio di una progettualità più ampia, capillare e duratura nel tempo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X