facebook rss

Atterraggio d’emergenza al Sanzio:
incolumi pilota e passeggero
di un aereo Piper

FALCONARA - La richiesta sarebbe avvenuta a seguito di alcune fiamme scoppiate in cabina. Immediatamente è scattato il piano d'emergenza che ha impegnato i vigili del fuoco e il 118
Print Friendly, PDF & Email

Il Piper atterrato d’emergenza al Sanzio

 

L’aeroporto Sanzio di Falconara è stato temporaneamente chiuso a seguito, da quanto si è appreso, di una richiesta di atterraggio d’emergenza fatta da un velivolo Piper, privato da turismo, con due persone a bordo: pilota e passeggero. Il piccolo aereo proveniva da Terni.  I due uomini sono rimasti incolumi nonostante l’atterraggio non sia stato dei più soft. Le operazioni di soccorso da parte di vigili del fuoco e 118 sono scattate immediatamente come da prassi quando erano le 12,45 circa.
Dalle prime informazioni, la richiesta di atterraggio sarebbe stata fatta a seguito di fumo a bordo ed erano inoltre visibili anche delle fiamme.
Nell’atterrare, il piccolo velivolo si è inclinato e il carrello anteriore si sarebbe rotto.
I vigili del fuoco sono rimasti sul posto per bonificare la pista ed effettuare le procedure necessarie alla riapertura avvenuta alle 15,15. «A seguito dell’attivazione da parte della torre di controllo – ha fatto sapere Aerdorica in una nota – l’intero dispositivo aeroportuale ha messo in atto il piano di emergenza aeroportuale, l’aeromobile in atterraggio con un motore in fiamme è stato tempestivamente seguito sulla pista dai vigili del fuoco del distaccamento aeroportuale e dal primo soccorso aeroportuale. Il direttore aeroportuale Enac, dott.ssa Silvia Ceccarelli ha presieduto il COE Centro operativo emergenze dove sono confluiti tutti gli enti aeroportuali Aerdorica, vigili del fuoco, polizia di frontiera, guardia di finanza, etc. che hanno dimostrato ottima capacità di risposta e intervento».
Sarà ANSV ad individuare le cause di quanto accaduto ed ad emettere, se necessario, raccomandazioni di sicurezza per migliorare la sicurezza del volo.

(al.big.)


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X