facebook rss

Vaccini, petizione di 3mila insegnanti
«Dimenticati dopo la prenotazione»

COVID - Appello alla Regione da parte di chi è rimasto ancora fuori dalla campagna, si tratta per lo più di personale degli asili nido e delle materne: «Trentamila colleghi sono stati vaccinati, noi siamo stati beffati. Non vogliamo fare guerra a nessuno, chiediamo attenzione e rispetto»
Print Friendly, PDF & Email

Vaccinazioni_Insegnanti_FF-6-325x217

 

«Ci chiediamo perché siamo stati dimenticati e quanto dovremo attendere mentre altri colleghi, che non vivono questa situazione e magari lavorano in smart working, sono vaccinati ma lontani dai ragazzi e dalla scuola da settimane». E’ l‘appello lanciato dagli insegnanti, soprattutto di asilo nido e materne, rimasti fuori dalla vaccinazione anti Covid-19 dopo l’ordinanza del commissario Paolo Figliuolo che ha sospeso le somministrazioni agli insegnanti. Hanno lanciato una petizione online per chiedere attenzione e rispetto. «Trentamila colleghi insegnanti, dirigenti e personale Ata sono stati vaccinati – dicono i firmatari della petizione – Manchiamo all’appello in 3mila: eravamo prenotati, siamo stati prenotati fino all’ultimo minuto dopo la decisione di sospendere per concentrarsi sugli anziani o altre categorie.  Tra i 3mila beffati ci sono educatrici che operano nella fascia 0-6, nei nidi e nelle materne, indubbiamente la fascia più delicata. I piccoli non indossano la mascherina, devono essere presi in braccio, sostenuti, va cambiato il pannolino, lavate le manine e la faccia. Pur con tutte le precauzioni ed i protocolli che abbiamo adottato e adottiamo in modo serio e responsabile è indubbio che il contatto nella fascia 0-6 è inevitabile.  Non vogliamo fare guerra a nessuno, anche se la questione criteri adottati discutibili non ci sfugge così come la vergogna dei furbetti del vaccino. Con questo appello chiediamo attenzione e rispetto. E  – concludono – quel vaccino che ci farà cambiare il pannolino con meno paura».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X