facebook rss

«In 150 giorni di campagna vaccinale
inoculate 75mila dosi»

SENIGALLIA - I numeri del centro allestito per iniettare il siero anti Covid ai cittadini. Il sindaco Massimo Olivetti: «Tante realtà istituzionali insieme a collaborare in modo puntuale per un unico obiettivo: vaccinare molti, tutti e bene in modo professionale e soprattutto umano e a misura d’uomo»
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

In cento giorni più di 75mila euro dosi vaccinali. E’ il risultato ottenuto, a partire dallo scorso 20 febbraio, dal centro vaccinale di Senigallia, allestito inizialmente per gli over 80  alla palestra dell’Istituto Corinaldesi – Padovano  di via Rosmini.  «Siamo partiti – ha ricordato il sindaco di Senigallia, Massimo Olivetti – con uno spazio adeguato per il numero di utenti previsto per le prime vaccinazioni – non più di 400 somministrazioni giornaliere – e anche per l’età della popolazione chiamata a vaccinarsi, che imponeva la possibilità di arrivare in macchina fino all’ingresso del Punto di Vaccinazione della Popolazione. Siamo poi passati dal 9 aprile all’utilizzo della sede dei Vigili del Fuoco, sospendendo per soli due giorni la campagna vaccinale per le operazioni utili all’allestimento della nuova sede e raggiungendo il 18 luglio scorso il 100esimo giorno di vaccinazione presso la Caserma, garantendo l’apertura del centro tutti i giorni dalle 8 alle 20. Uno sforzo tecnico e organizzativo rispetto a cui mi preme tornare a ringraziare tutti i soggetti coinvolti per lo splendido lavoro che hanno garantito nell’interesse di tutta la popolazione: Asur, Vigili del Fuoco, il Gruppo Comunale Protezione Civile Senigallia, i Falchi della Rovere, l’Associazione Nazionale Salvamento, la Croce Rossa Italiana, l’ANC e il CNGEI Senigallia. Instancabili sono stati anche i Gruppi dei Comuni della Valle: Trecastelli, Ostra, Ostra Vetere, Barbara, Corinaldo ma anche Monte San Vito e tanti altri. Mi sento onorato, un po’ privilegiato a poter condividere queste considerazioni. E credo di poterlo fare a nome dei colleghi sindaci di tutto il comprensorio dai quali abbiamo sempre avuto significativi apprezzamenti del lavoro svolto e piena collaborazione». I volontari hanno svolto un totale di 1.800 servizi per 10.800 ore di cui 7.200 ore presso la caserma dei Vigili del Fuoco.

Il sindaco Massimo Olivetti

«Tante realtà istituzionali insieme – ha proseguito il sindaco Olivetti – a collaborare in modo puntuale per un unico obiettivo: vaccinare molti, tutti e bene in modo professionale e soprattutto umano e a misura d’uomo. Tutti i soggetti coinvolti sono stati attenti non solo ai numeri ma alla qualità dell’assistenza raccogliendo i bisogni e le necessità di tanti. La particolare logistica del centro è divenuta un punto di forza che ci ha spinto ad una collaborazione puntuale e continua, portando a degli ottimi risultati numerici. Ogni periodo ha avuto la sua organizzazione: al cambiare dell’utenza, in accordo con gli altri Enti, abbiamo modificato l’area dell’accoglienza e della registrazione, i compiti dei volontari a disposizione e la logistica nel tentativo di rispondere sempre alle esigenze di tutti, cercando di ottenere il servizio migliore per gli utenti. Un ringraziamento speciale voglio farlo per questo al personale comunale che si occupa appunto dell’organizzazione logistica, perché nonostante sia sottorganico ha garantito tutti i servizi non tralasciando il lavoro ordinario». Soddisfatta anche la dott.ssa Vania Moroni del Dipartimento di Prevenzione – Sorveglianza e Prevenzione delle Malattie Infettive e Cronico Degenerative di Asur Marche, Area vasta 2 Senigallia. «Dall’inizio della campagna vaccinale – ha dichiarato la dottoressa Moroni – in oltre 150 giorni di attività, il Punto Vaccinale di Popolazione di Senigallia ha effettuato più di 75.000 vaccinazioni tra cui 500 turisti che si sono trovati a dover effettuare la seconda dose durante il soggiorno nel nostro territorio. La popolazione dei comuni delle valli Misa e Nevola che ha ricevuto almeno una dose di vaccino raggiunge il 94,4% per i soggetti con più di 60 anni ed il 51.1% per la fascia di età 12-59 anni, dimostrando una adesione alla vaccinazione lievemente superiore alla media della provincia di Ancona. Nel comune di Senigallia è stato vaccinato con almeno una dose quasi il 96% degli over 60 ed oltre il 53% dei soggetti di tutte le altre fasce di età». «Prosegue – ha concluso rispetto all’organizzazione del Punto Vaccinale di Popolazione Mariano Tusa, comandante dei Vigili del Fuoco – l’impegno dei vigili del fuoco per mantenere la disponibilità degli spazi del distaccamento VF di Senigallia destinati al polo vaccinale, assicurando la piena operatività del presidio di soccorso che serve i comuni dell’area nord della provincia. La disponibilità massima di tutti i nostri vigili nella collaborazione giornaliera per la gestione della logistica e della struttura è uno degli elementi che ha permesso la buona organizzazione del PVP, garantendo al contempo la piena attività del soccorso e della formazione tipica della caserma di Senigallia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X