facebook rss

Cammina sul lungomare,
giovane aggredito dal branco:
denunciati due 20enni

SENIGALLIA - La vittima, insultata e colpita a calci e pugni, era finita all'ospedale nelle scorse settimane. Dopo approfondite indagini gli agenti del Commissariato sono risaliti ad alcuni dei presunti responsabili, deferiti all'autorità giudiziaria per i reati di minacce aggravate, lesioni gravi e violenza privata
Print Friendly, PDF & Email

(foto d’archivio)

 

Aggredito a calci e pugni mentre cammina a notte fonda sul lungomare Alighieri. Dopo indagini approfondite, ascoltate alcune persone ed acquisito dati, gli agenti del Commissariato di P.S. di Senigallia sono riusciti ad individuare i due responsabili dell’aggressione che sono stati denunciati all’autorità giudiziaria. La giovane vittima, quella notte d’estate di poche settimane fa si trovava a transitare, sul lungomare Alighieri quando, ad un certo punto, gli si era avvicinato un gruppo di ragazzi che cominciavano ad insultarlo. Il giovane, a quel punto, aveva chiesto spiegazioni ed i giovani, per tutta risposta, si erano scagliati contro sferrandogli calci e pugni per poi scappare. L’aggredito chiedeva aiuto alla pattuglia e gli agenti si recavano sul posto facendo anche intervenire un’autoambulanza per portare le prime cure al ferito che presentava abrasioni alle gambe ed al volto. Il giovane era stato poi accompagnato al pronto soccorso e dopo esser stato dimesso aveva raggiunto il Commissariato per sporgere denuncia per le minacce e le lesioni subite. I medici lo aveva dimesso con oltre 30 giorni di prognosi di giarigione. Il giovane riusciva a fornire alcune indicazioni dui possibili autori dell’aggressione subita. Gli agenti sulla base delle informazioni raccolte al momento dell’intervento, dopo aver sentito alcune persone, sono riuscite a stringere il cerchio su alcuni giovani. Sono stati identificati almeno due degli aggressori che sono risultati essere due giovani di 20enni della provincia di Ancona, denunciati per i reati di minacce aggravate, lesioni gravi e violenza privata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X