facebook rss

Focolaio di contagi a Loreto,
chiusa la scuola primaria ‘Verdi’

ORDINANZA del sindaco Moreno Pieroni con stop alle lezioni e didattica a distanza per una settimana, sospeso anche il servizio di refezione scolastica alle 'Marconi' e 'Collodi' con dad pomeridiana. Nella città mariana ieri si contavano 112 positivi e 269 persone in isolamento preventivo, oggi il numero è salito 116 casi e 302 in quarantena
Print Friendly, PDF & Email

 

La crescita anomala di casi positivi a Loreto, ha costretto ieri il sindaco Moreno Pieroni a chiudere una scuola, a sospendere la refezione scolastica per tutte le Primarie e a chiedere un rafforzamento dei controlli delle forze dell’ordine sul territorio per evitare pericolosi assembramenti. Se ieri nella città mariana si contavano 112 positivi e 269 persone in isolamento preventivo, oggi il numero è già salito 116 casi e 302 in isolamento precauzionale.

«C’è una forte criticità all’interno delle scuole ‘Verdi’ e nel rispetto delle famiglie ha deciso di firmare l’ordinanza per chiudere da domani, lunedì 22 novembre a domenica 28 il plesso scolastico. Le lezioni avverranno in didattica a distanza – ha spiegato il sindaco in un video messaggio – In questi 5 giorni faremo una sanificazione totale in tutte le classi che ci impegnerà per 2-3 giorni. Contemporaneamente abbiamo deciso di sospendere il servizio mensa per le scuole primarie (ma non per quelle dell’infanzia). Abbiamo previsto infatti la sospensione del servizio di refezione scolastica nelle scuole primarie “Marconi” e “Collodi” con dad pomeridiana. Ho inoltre chiesto alle forze dell’ordine una intensificazione dei controlli: non è pensabile che vi siano in questo momento particolare aggregazioni non rispondenti alla norme anti Covid. Adesso servono più controlli a tutela di tutti i loretani e delle persone più fragili. Nei prossimi 7-15 giorni dobbiamo abbassare la percentuale di contagiosità nella nostra città per preparaci alle festività natalizie ed evitare che proovedimenti di organi superiori ‘blocchino’ il territorio» attivando zone gialle, arancioni o rosse.

Moreno Pieroni

C’è anche il timore che il focolaio possa non essere circoscritto alla scuola. Il primo cittadino ha, pertanto, scritto a enti e istituzioni private e religiose per sollecitare l’attivazione della massima allerta nelle verifiche. «Tutti insieme dobbiamo fare un ulteriore sforzo. Invito pertanto tutti i loretani che manifestino sintomaticità a restare in casa e ad avvisare subito i medici» ha concluso Moreno Pieroni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X