facebook rss

«Un punto vaccinale permanente
al Poliambulatorio»

OSIMO - E' la richiesta che la capogruppo delle Liste civiche, Monica Bordoni, ha rivolto all'Asur e all'Inrca. Oggi in città si contano 477 positivi ed 826 persone in quarantena
Print Friendly, PDF & Email

Il poliambulatorio tra via Antica Rocca e piazza del Comune a Osimo

 

Monica Bordoni, capogruppo consiliare delle Liste civiche, torna a chiedere l’istituzione di un punto vaccinale permanente per Osimo.

Persone in fila in via Lionetta, qualche settinana fa, per vaccinarsi durante l’Open Day organizzato dal cicrolo +76 al Poliambulatorio di Osimo

«Considerato l’ aggravarsi della situazione epidemiologica degli ultimi giorni, che ha portato alla proroga dello stato di emergenza a livello nazionale nonché al rafforzamento di nuove misure per il contenimento della diffusione della pandemia da Covid 19, ritengo urgente, quanto necessaria, la realizzazione di un punto vaccinale permanente ad Osimo. – scrive la consigliera comunale – La città vanta una popolazione di ben oltre 34 mila abitanti e raccoglie un bacino di utenza di oltre 100 mila persone, soprattutto nel settore socio-sanitario. Oggi solo ad Osimo, secondo il report della Regione Marche,  si contano 477 positivi ed 826 persone in quarantena o isolamento. I cittadini si vogliono vaccinare, ma ormai i tempi di prenotazione al centro Paolinelli di Ancona sono troppi lunghi. Per questi motivi chiediamo al direttore dell’Asur di mettere a disposizione i locali a piano terra del Poliambulatorio di Osimo, spostando alcuni ambulatori in quello superiore, e al direttore dell’Inrca di ricercare eventualmente degli spazi idonei all’interno dell’ospedale». Un punto vaccinale è già attivo all’ospedale Inrca-Osimo ma è rivolto ai pazienti seguiti da reparti e ambulatori.

La consigliera Monica Bordoni

Monica Bodoni ricorda inoltre che «ci sono medici di base o in pensione, come pure degli infermieri che si renderebbero disponibili a prestare questo importante servizio a favore della sicurezza sanitaria della collettività osimana e di tutto il bacino di utenza della Valmusone. Al fine di evitare un ulteriore lockdown, ma garantire una risposta in termini sanitari ai cittadini, sarebbe un ottimo biglietto da visita che la città di Osimo offrirebbe alle famiglie ed i cittadini tutti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X