facebook rss

All’ospedale di Senigallia
chiuso il reparto Covid
e riaperti gli ambulatori di Medicina

SANITA' - Riattivati anche i servizi dedicati ai pazienti con anemia sideropenica e con broncopneumopatia cronica ostruttiva
Print Friendly, PDF & Email

L’ospedale di Senigallia

 

 

Da due settimane, con la chiusura del reparto Covid dell’ospedale di Senigallia, l’Unità operativa di Medicina Interna ha provveduto a riattivare gli ambulatori che erano stati temporaneamente sospesi. «Accanto al consueto ambulatorio di Medicina Interna (il lunedì dalle 12 alle 13.30), all’ambulatorio di Reumatologia (il giovedì dalle 12 alle 13.30) e onco-osteoporosi (il martedì dalle 8 alle 9) e all’ambulatorio di ecodoppler venoso e arterioso (il mercoledì dalle 12 alle 14), – fa sapere una nota dell’Area Vasta 2 – abbiamo riattivato nella giornata del martedì dalle 12 alle 13.30 il ‘neonato’ ambulatorio dell’Anemia (era stato aperto poco prima della quarta ondata Covid) che si occupa di fare una diagnosi differenziale delle anemie e di prendere in carico i pazienti che risultano avere una anemia sideropenica sia dal punto di vista diagnostico che terapeutico (organizzando se necessario anche infusioni di ferro endovena); inoltre, il venerdì dalle 12 alle 13.30 abbiamo attivato un nuovo ambulatorio dedicato ai pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) nel corso del quale, oltre alla visita classica, i pazienti sono sottoposti, se indicato, alla spirometria base». L’Area Vasta 2 mette in evidenza inoltre che in ciascuna delle sedute ambulatoriali del lunedì, del martedì, del giovedì e del venerdì dalle 13.30 alle 14 è stato riservato un posto (per un totale di quattro posti a settimana) per il rinnovo dei piani terapeutici (il lunedì per piani terapeutici vari, in particolare per la terapia anticoagulante; il martedì per piani terapeutici relativi all’anemia, il giovedì per i piani terapeutici dei farmaci biologici per le patologie reumatologiche e infine il venerdì per i piani terapeutici per i farmaci per la Bpco).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X