facebook rss

Accoltellato in piazza d’Armi:
arresto lampo della polizia

ANCONA - In manette è finito un pakistano di 33 anni, irregolare e con precedenti penali, che aveva ferito un 36enne anconetano per motivi di gelosia. Sul posto sono intervenute Volanti e 118
Print Friendly, PDF & Email

Le Volanti della polizia durante un pattugliamento al Piano (Archivio)

E’ stato accoltellato ad una mano in piazza d’Armi per motivi di gelosia.
E’ successo nel pomeriggio di ieri, intorno alle 17.30, quando alla centrale operativa della questura è giunta la chiamata del 112 che riferiva di un italiano che perdeva sangue da una mano a seguito di una ferita da arma da taglio.
Immediatamente sul posto sono arrivate le Volanti e il 118.
Poliziotti e personale sanitario hanno subito raggiunto il ragazzo rimasto ferito. L’aggressore, invece, nel frattempo si era allontanato.
In quegli attimi concitati, alcuni amici del ragazzo ferito hanno indicato l’aggressore, un extracomunitario che stava tentando di allontanarsi ma che è stato rincorso e bloccato dai poliziotti.
Nel ricostruire l’episodio è emerso che l’extracomunitario, un pakistano di 33 anni, aveva cercato di ferire un altro ragazzo per motivi di gelosia ma nel frattempo la vittima, un anconetano di 36 anni, aveva tentato di mettersi in mezzo per difendere l’amico. Così facendo, è stato però colpito dalla coltellata alla mano sinistra.
I poliziotti hanno subito perquisito il pakistano trovandogli un coltello a serramanico, poi sequestrato, con la lama lunga 16 centimetri. Effettuati gli accertamenti di rito, è emerso che il 33enne aveva numerosi precedenti penali. Arrestato con l’accusa di lesioni personali, è stato trattenuto nella camera di sicurezza della questura fino al processo per direttissima tenutosi questa mattina. L’autorità giudiziaria ha convalidato l’arresto e disposto il nulla osta all’espulsione.
Il pakistano, irregolare sul territorio, è stato trattato per competenza dall’Ufficio Immigrazione, e nei suoi confronti è stata disposta procedura di allontanamento dall’Italia.
«Continua senza sosta l’impegno della Polizia di Stato per garantire sicurezza e legalità alla comunità dorica e della provincia – ha commentato il questore Cesare Capocasa -, grazie ad un’efficace ed efficiente sinergia operativa tra tutti gli uffici presenti sul territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X