facebook rss

Notte nazionale del Liceo Classico,
maratona di spettacoli al ‘Campana’

OSIMO - Venerdì prossimo, dalle 18 alle 23, nell’aula magna dell’Itcg Corridoni di via Molino Mensa l’evento culturale organizzato dagli studenti liceali attraverso una rassegna di sette performance teatrali, musicali e di letture, divisa in due distinti momenti. La scuola partecipa alla manifestazione nazionale per il secondo anno consecutivo
Print Friendly, PDF & Email

 

Partecipa per la seconda volta alla ‘Notte nazionale del liceo classico’, il liceo classico ‘Campana’, eccellenza della città di Osimo da anni in testa alle classifiche nazionali per gli ottimi risultati dei suoi studenti negli studi universitari.  «La manifestazione – ricorda un comunicato ufficiale del liceo Campana – è uno degli eventi più innovativi nella scuola degli ultimi anni. Giunta all’VIII edizione, è nata da un’idea del professore Rocco Schembra, docente di Latino e Greco presso il liceo classico “Gulli e Pennisi” di Acireale ed è sostenuta dal Ministero dell’Istruzione con il partenariato di Rai Cultura e Rai Scuola». L’evento ha raccolto l’adesione di 328 licei classici di tutta Italia che contemporaneamente vivono un’immersione totale nella cultura classica attraverso rappresentazioni, letture, performances, mostre ed esecuzioni musicali.

«La scuola si apre alla città e docenti e studenti offrono il loro lavoro per affermare ancora una volta il valore formativo del curriculum di studi del liceo classico. – prosegue la nota – È questa un’importante occasione per valorizzare i diversi talenti dei nostri ragazzi, che fioriscono proprio grazie allo studio dei Classici che, a distanza di secoli, continuano a essere maestri. Un’esperienza di condivisione fortemente sentita dagli studenti: 127 in totale coloro che vi parteciperanno attivamente, dando vita alle diverse performance. La testimonianza di una scuola vitale, portatrice di valori universali quali pace, giustizia e amore per la Terra che ci ospita. In un momento in cui molte ombre si addensano, la forza della cultura, l’entusiasmo dei ragazzi e la dedizione di tutte le componenti della scuola, rivelano che è possibile tracciare un orizzonte di speranza, di fiducia nel futuro».

Venerdì, 6 maggio, dunque, dalle ore 18 fino alle ore 23, nella sede dell’Istituto Corridoni, sfileranno gli studenti del liceo classico, aiutati e supportati dagli altri studenti dell’istituto, attraverso una rassegna di performance distinte in due momenti distinti: una prima serie di spettacoli, dalle ore 18 alle 20, che vedranno come protagoniste le classi prime, secondo e terze del liceo classico, una seconda serie di spettacoli, dalle ore 20 alle 23, che vedrà come protagonista la quinta A del liceo classico. Sette spettacoli in totale, che si svolgeranno all’interno dell’Aula Magna della sede del Corridoni di via Molino Mensa, nel rispetto della normativa anti Covid 19, con un intermezzo a tema: “Brindiamo agli dei!”, un percorso di conoscenza dei sapori che caratterizzavano la tavola degli antichi Romani e Greci.

Tra le diverse performance, presentate al pubblico degli spettatori dalla professoressa Mariasilvia Possanzini, spiccano: Homo nihil est sine Natura, una riflessione sul tema della forza della natura, L’ultimo duello tra Achille ed Ettore, Donne in chiaroscuro, un’interpretazione del cosmo femminile tra eroine antiche e moderne. E ancora: La guerra e i bagni caldi, una riflessione sul mondo della guerra, il musical Aequilibrium: l’eterna lotta tra Caos e Cosmos a cura della Compagnia Incanto e Ifigenia in Aulide con l’esibizione del Gruppo di Teatro Classico guidato dalla regista Laura De Carlo. L’ultimo spettacolo sarà il Concerto per la Natura: parole, musica, immagini per offrire un tributo alla Natura da cui tutto dipende.«A chiudere la manifestazione – in concomitanza con tutti i licei italiani partecipanti – la Lettura dalle Dionisiache di Nonno Panotoli, autore tardo antico. Tanta cultura,- chiude il comunicato- tanto spettacolo, tanta musica e soprattutto un esempio concreto di come i contenuti classici possano essere vissuti in modo originale e innovativo grazie ai talenti che gli studenti hanno sviluppato attraverso questo percorso di studi e che ora offrono alla città».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X