facebook rss

Ciclovia del Conero, sopralluogo
al cantiere: «Si vede il mare
e lo scoglio della vela»

ANCONA - L'assessore Ida Simonella con il collega Paolo Manarini è andata a verificare lo stato dei lavori sul percorso ciclabile e in attesa di poterlo percorrere in bici ha lanciato un’idea: «Vogliamo trovare un nome? Avete suggerimenti e proposte?»
Print Friendly, PDF & Email

Il cantiere della Ciclovia del Conero

 

«Ad un certo punto si vede il mare e persino lo scoglio della vela. È una delle sorprese che riserva questo viaggio affascinante di 7 km nella natura. Un respiro difficile anche da raccontare»

Da destra Ida Simonella e Paolo Manarini durante il sopralluogo al cantiere della Ciclovia del Conero

scrive in un post sulla sua pagina Facebook l’assessore Ida Simonella che l’altro ieri ha svolto un sopralluogo al cantiere della ciclovia del Conero, con l’assessore Paolo Manarini («mancava Stefano Foresi, per altri impegni») e i tecnici. Il percorso ciclabile in via di realizzazione inizia da Vallemiano e, passando per Pietralacroce, approda a Portonovo vicino ai parcheggi a monte.

L’opera, per un investimento di spesa di circa un milione di euro, agevolerà la mobilità sostenibile e potrebbe essere pronta forse già per la prossima primavera. «Ci sono diversi interventi e aggiustamenti ancora da fare al percorso. – sottolinea l’assessora – E tutte le consuete complessità che derivano dal portare avanti i cantieri. Ne approfitto per ringraziare tutti coloro che lavorano dietro le quinte, tecnici e amministrativi del Comune in particolare. Dietro ogni opera, grande o piccola, ci sono montagne di progetti, autorizzazioni, gare, verifiche, controlli, contestazioni, riesami, notifiche.. Atti pubblici. E ognuno fa il suo, in larga parte fuori dal palcoscenico. Ricordo che il percorso non è ancora praticabile. È un cantiere e dunque non è accessibile». Nell’attesa di poterla percorrere in bici Ida Simonella lancia un’idea: «Vogliamo trovare un nome alla ciclabile? Avete suggerimenti e proposte? Sono graditissimi».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X