facebook rss

«Caro bollette, strumentale
la mozione di JesiAmo»

JESI - Il segretario del Pd cittadino, Stefano Bornigia, chiarisce il perchè del voto contrario del suo partito in Consiglio comunale spiegando che quanto richiesto dal movimento d'opposizione è di competenza Asp «e l’Amministrazione di fronte ad un bilancio così ingessato non riesce a rispondere con proprie risorse»
Print Friendly, PDF & Email

Stefano Bornigia

 

«Il Partito Democratico è da sempre vicino alla fascia più debole della nostra popolazione. Mai potremmo sostenere un’azione amministrativa senza un’attenzione particolare verso i più deboli. Ci siamo sempre impegnati per combattere le disuguaglianze sociali ed economiche, proponendo anche soluzioni in tale ambito. E’ proprio per questa nostra sensibilità che troviamo al quanto strumentale la mozione proposta dalla lista civica di opposizione JesiAmo sul caro bollette, strumentale perché prova a metterci in difficoltà su un tema a cui teniamo particolarmente». Il commento arriva da Stefano Bornigia, segretario del Partito Democratico di Jesi.

«Chiedere uno stanziamento immediato e per una somma di denaro indefinita, dal bilancio comunale, oltretutto redatto dalla vecchia amministrazione, in una situazione così emergenziale che chiama il Comune a rispondere a difficoltà di bilancio sempre più grandi, come l’aumento 1.2 milioni di euro delle utenze ed ulteriori 500 mila euro da destinare ad una maggiore spesa di JesiServizi, a noi sembra del tutto superficiale. – scrive Bornigia in una nota – Quanto richiesto nella mozione è di competenza Asp e l’Amministrazione comunale di fronte ad un bilancio così ingessato non riesce a rispondere con proprie risorse. Il nostro voto contrario in Consiglio comunale vuole rappresentare la volontà del Partito Democratico di dare soddisfazione alle ulteriori richieste di contributi per affitti e bollette senza però togliere nulla ad altre situazioni di bisogno . Pensiamo che lavorando di concerto con l’Asp si possano reperire nuove risorse. Concordiamo con il nostro sindaco nell’argomentare la posizione dell’Amministrazione comunale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X