Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

Cade l’amministrazione comunale
Commissariato il Comune
di Maiolati Spontini

A SEGUITO delle dimissioni presentate da 7 Consiglieri su 12, il prefetto di Ancona Darco Pellos ha sospeso il Consiglio comunale e contestualmente ha nominato Commissario prefettizio Gloria Sandra Allegretto

Gloria Sandra Allegretto con il prefetto Darco Pellos (Archivio)

L’amministrazione comunale di Maiolati Spontini è caduta.
A seguito delle dimissioni presentate da 7 Consiglieri su 12, 3 di maggioranza e 4 di minoranza, il prefetto di Ancona Darco Pellos ha sospeso il Consiglio comunale e contestualmente ha nominato Commissario prefettizio Gloria Sandra Allegretto, viceprefetto vicario della prefettura dorica per la provvisoria gestione dell’Ente.
La prefettura fa inoltre sapere che «è stata avviata, altresì, la procedura di scioglimento del Consiglio comunale con l’invio della relativa proposta al Ministero dell’Interno per il conseguente seguito di conseguenza. Al Commissario – prosegue – sono stati conferiti i poteri spettanti al sindaco, al Consiglio e alla Giunta».
Le dimissioni dei 7 consiglieri hanno dunque fatto decadere il Consiglio comunale, il primo cittadino Tiziano Consoli e la Giunta composta dagli assessori Beatrice Testadiferro, Cristiano Montesi e Tiziana Tobaldi.
Qualche giorno fa a rassegnare le dimissioni era stato il vicesindaco Mario Pastori.
A rassegnare le dimissioni sono stati: Alessandro Amadio, Giordano Spugni, Marco Santarelli, della lista civica Insieme per i Cittadini; i consiglieri di opposizione con Leonardo Guerro e Giancarlo Focante del M5s; Irene Bini e Silvia Badiali di Percorso Civico.
Nelle motivazioni, i consiglieri spiegano che «In questi tre anni e mezzo di mandato del sindaco Consoli, il Comune di Maiolati Spontini, i suoi cittadini e le sue istituzioni, hanno vissuto una giunta sorda ad ogni richiesta di dialogo e collaborazione, anche proveniente dagli stessi consiglieri di maggioranza, assente tanto nelle aule comunali quanto nel territorio, autoreferenziale, litigiosa, incapace di garantire una comunicazione istituzionale puntuale ed efficace. Un’amministrazione, quella del sindaco Consoli, che ha visto il venir meno, dopo i precedenti abbandoni, anche della fiducia del vice sindaco Mario Pastori. Un sindaco che ad oggi non è ancora riuscito a sostituirlo, segno evidente del malessere di una giunta arrivata ormai a fine corsa. I sottoscritti – concludono -, consapevoli ed amareggiati della straordinarietà della situazione, ma altrettanto convinti che la parola debba tornare alla cittadinanza, rassegnano, contestualmente e congiuntamente, le presenti dimissioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X