facebook rss

Programma Erasmus+ a Dubai,
gli studenti dell’Einstein Nebbia
a lezione dagli chef stellati

LORETO - Nel segno di collaborazioni di altissimo livello il ristorante Pierchic, all’interno del complesso da mille e una notte del Jumeirah Al Qasr, e il Burj al-Arab, hotel iconico e lussuoso, ospiteranno per lo stage formativo gli studenti dell’istituto alberghiero lauretano
Print Friendly, PDF & Email

Thomas Astolfi, Tommaso Andreoli e Nicola Catena al ristorante stellato Al Muntaha

 

Dubai continua a richiedere all’Einstein Nebbia di Loreto giovani da inserire nelle proprie strutture esclusive, la capacità di cogliere le opportunità del programma Erasmus+ continua a dare buoni frutti nel segno di collaborazioni di altissimo livello, in continuo sviluppo e ampliamento. Due i locali in cui la professionalità, la passione e la creatività dei nostri neodiplomati avranno modo di esprimersi: il ristorante Pierchic, all’interno del complesso da mille e una notte del Jumeirah Al Qasr, e il Burj al-Arab, l’hotel più iconico e lussuoso, il mitico edificio a forma di vela che contraddistingue lo skyline della città.

Anna Guidobaldi, Linda Franchini e Shaima-Doua Gani hanno colto al volo l’occasione di lavorare al Pierchic, il pluripremiato ristorante italiano situato sul molo dell’omonimo hotel con vista sulle splendide acque azzurre del Golfo Persico e sul magico Burj Al Arab. Anna e Linda resteranno a Dubai per una mobilità Erasmus+ di 6 mesi, mentre la giovane Shaima è stata assunta con un contratto triennale nel settore di accoglienza turistica. Saranno guidate nel percorso formativo professionalizzante dalla premiata chef Beatrice Segoni – da poco nominata Chef of the Year, Leaders in F&B Awards 2022 – nonché dal manager Andrea Gerli.

Altri tre neodiplomati del settore di cucina, Thomas Astolfi, Tommaso Andreoli e Nicola Catena hanno intrapreso il proprio percorso di formazione Erasmus+ presso il ristorante stellato Al Muntaha, all’interno del famosissimo hotel Burj al-Arab, anch’essi per un periodo di 6 mesi. Sarà un’esperienza unica e di grande spessore, sotto la guida dell’acclamato chef Saverio Sbaragli, famoso per il connubio tra la raffinata e classica cucina francese e l’eccellenza di quella italiana. «Non riuscivamo a crederci! – raccontano i ragazzi – Sembrava un sogno troppo bello per essere vero. Pensare che ospiti così importanti assaggeranno i piatti che abbiamo contribuito a realizzare ci riempie di orgoglio, ci rende fieri di noi stessi e ci porta a mettere ancora più passione in tutto ciò che facciamo e a voler migliorare ogni giorno di più». I ragazzi saranno Ambasciatori della Community Einstein Nebbia nel mondo e del programma Erasmus+.

Acnora uno scorcio del Pierchic

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X