facebook rss

Dj set non autorizzato
e area del locale ampliata:
sanzionato il titolare

ANCONA - Gli agenti della questura e della polizia locale hanno effettuato delle verifiche anche in piazza del Plebiscito dove una struttura non è stata ritenuta in regola circa il rispetto della normativa per l'abbattimento delle barriere architettoniche
Print Friendly, PDF & Email

Controlli delle Volanti e polizia locale in centro (Archivio)

Ancora controlli sul territorio da parte della Squadra Amministrativa e di Sicurezza della questura, le Volanti e l’Ufficio Commercio della polizia locale di Ancona.
Nella serata di ieri, sono stati controllati alcuni locali in piazza del Plebiscito per verificare il rispetto delle ordinanze comunali circa gli orari di chiusura e il rispetto del divieto di consumare al di fuori degli spazi di pertinenza dei locali.
In uno di questi sono state accertate delle irregolarità relativamente al rispetto della normativa per l’abbattimento delle barriere architettoniche quindi la struttura non è stata ritenuta in regola e per questo motivo seguirà una segnalazione al competente ufficio del Comune di Ancona che dovrà valutare se l’esercizio, in mancanza dei requisiti, possa proseguire l’attività al pubblico.
E’ stato inoltre controllato un locale in corso Stamira il cui titolare risultava avere ampliato la propria area di somministrazione bevande senza autorizzazione. Inoltre utilizzava uno spazio non idoneo con dj set per diffondere musica. Il titolare, che era già stato sanzionato precedentemente per avere ampliato indebitamente l’area di somministrazione e diffidato dal Comune di Ancona, è stato per questo motivo contravvenzionato con una sanzione amministrativa che prevede il pagamento di euro 300. Il Suap dovrà conseguentemente valutare la sospensione dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande. Infine, in zona Baraccola è stato effettuato un controllo amministrativo presso un Pub dove non venivano rilevate criticità. Sono stati identificati circa 30 giovani nelle zone della movida cittadina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X