facebook rss

‘Questo non è amore’,
la brochure della Polizia
contro la violenza di genere

OSIMO - Gli agenti del Commissariato impegnati nel fine settimana a sensibilizzare contro il fenomeno dei femminicidi. Controlli in centro contro la movida molesta
Print Friendly, PDF & Email

 

Un fine settimana di intensa attività per gli uomini e le donne del Commissariato di P.S. di Osimo impegnati nella campagna di sensibilizzazione “…Questo non è amore”. Iniziativa sul drammatico fenomeno della violenza di genere, della violenza sorda e cieca di uomini che si accaniscono fisicamente e moralmente contro le loro compagne di vita, le loro mogli, fidanzate, le madri dei loro figli, a volte fino ad ucciderle, come è successo di recente anche alla giovane osimana Ilaria Maiorano. Nei punti della città maggiormente affollati, tante persone hanno ricevuto la brochure che la Polizia di Stato realizza ormai da diversi anni in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che contiene tante storie di donne che da quella violenza, che spesso si consuma all’interno delle mura domestiche, sono riuscite ad uscirne, scegliendo di non voler più subire e di denunciare il loro aguzzino.

Il messaggio che è stato ribadito con forza ai tanti cittadini, anche in occasione dei convegni ai quali il personale del Commissariato di Polizia ha partecipato in questi giorni, è che la violenza, la sopraffazione, qualunque forma assuma, non va mai giustificata né tollerata; oggi ci sono strumenti normativi efficaci per fermarla, tra questi l’ammonimento del Questore che in questi anni si è dimostrato un ottimo deterrente per contrare condotte oppressive e violente prima che assumano livelli di gravità tali da suggerire interventi maggiormente repressivi.

Nella serata di ieri, inoltre, nel centro cittadino, si è svolto l’ormai consueto servizio interforze disposto dal questore di Ancona Cesare Capocasa, finalizzato a contrastare e scoraggiare l’insorgere di fenomeni criminosi e le situazioni di degrado urbano, spesso legato al consumo di alcolici, diffuso anche tra i minori. Sono stati vigilati e monitorati con attenzione le vie, i vicoli, le piazze e ogni punto critico della città proprio per prevenire ed eventualmente reprimere ogni forma di illegalità. Durante il servizio non si sono verificate irregolarità di sorta nè sono pervenute segnalazioni di disturbo alla quiete pubblica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X