facebook rss

Il video denuncia di un alluvionato:
«Mi trovo a dormire in auto,
ci sentiamo abbandonati»

MACERATA - La rabbia di Andrea Chiappetti che il 15 settembre era a Pianello d'Ostra: ha perso il nonno Fernando Olivi, la sua casa, il bar e tre auto. Frequenta un corso di aggiornamento a Unimc e quando finisce si sistema in una Fiat Multipla con il sacco a pelo. L'abbiamo incontrato fuori dal polo Bertelli
Print Friendly, PDF & Email
La testimonianza di Andrea Chiappetti

«Mi trovo a dormire in auto perché chi di dovere non è intervenuto al momento opportuno. Ci sentiamo abbandonati».

andrea-chiappetti2-1-325x190

Andrea Chiappetti, fuori dal Polo Bertelli, con l’auto dove dorme

Sono le parole di Andrea Chiappetti, 32 anni, un ragazzo che nell’alluvione del 15 settembre ha perso quasi tutto. Nel suo video-denuncia a Cronache Maceratesi c’è tutta la rabbia e l’amarezza di chi da un momento all’altro ha visto spazzar via le sua vita e i suoi affetti dalla furia di acqua e fango. C’è la consapevolezza che quella del 15 settembre è stata una tragedia che in parte si sarebbe potuta evitare. «Non c’è stata allerta, nessuno ci ha avvertito – dice nel video denuncia – l’acqua arrivava dai monti, tra amministrazioni non c’è stata comunicazione e mio nonno è rimasto nell’abitazione perché non lo sapeva». C’è il sentimento di sentirsi abbondanti dalle istituzioni e la consapevolezza che tutto quello potrebbe anche capitare di nuovo. Ma anche la speranza che chi dovere faccia qualcosa quanto prima.

casa-sventrata-dallacqua-e-detriti-arrivati-ANCHE-dal-canale

La casa distrutta a Pianello d’Ostra

Lui era a Pianello d’Ostra quella tragica sera di quasi tre mesi fa: il nonno Fernando Olivi è morto, la sua casa distrutta, così il bar, la casa di un’altra nonna a Senigallia e tre auto. E ora non ha un posto fisso dove stare. Il 32enne, che quella stessa sera aveva lanciato, invano, un allarme sui social per salvare il nonno rimasto intrappolato a piano terra dello stabile, ogni settimana va a Macerata per seguire un corso di aggiornamento a Unimc. E quando finisce dorme in auto, col sacco a pelo. L’auto è una Fiat Multipla che si è dovuto ricomprare a proprie spese perché «nessuno – dice sempre nel video denuncia – si è degnato di dare una minima cifra anche simbolica». Ed è proprio fuori dal polo Bertelli che l’abbiamo incontrato. Nessuno, specifica, si è mai avvicinato a chiedergli perché dormisse in auto. 

(video di Fabio Falcioni)

 

casa-di-nonno

La casa del nonno

bar

Il bar

muri-sfondati-nella-casa-di-nonno-a-causa-dellincuria-amministrazioni-enti

I muri dell’abitazione sfondati

sacrifici-spezzati-da-delinquenti-amministrativi

Articoli correlati




© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X