facebook rss

Rissa tra studentesse
organizzata tramite i social

FABRIANO - E' stata ripresa con i telefonini e il caso è finito nella trasmissione 'Ore 14' condotto da Milo Infante. Le studentesse fanno parte di due diversi istituti. Il dirigente scolastico del 'Morea', Emilio Procaccini, ha annunciato che «la minore che ha dato il via alla lite è stata sospesa per 14 giorni, con una serie di giorni nella misura dei lavori socialmente utili»
Print Friendly, PDF & Email

Un frame del video

Una lite organizzata sui social, e ripresa con dirette social. Tutto, avvenuto tra studentesse degli istituti ‘Morea’ e ‘Marco Polo’ di Fabriano.
E’ quanto andato in onda nel pomeriggio durante la trasmissione ‘Ore 14’, condotto da Milo Infante e in onda su Rai Due.
Le immagini del filmato, blerate, sono state trasmesse mostrando quello che lo stesso conduttore televisivo ha commentato dicendo che in «questa rissa, ci sono ragazzine di 13 o 14 anni, che se le danno di santa ragione. Ancora una volta la dinamica è quella del telefonino che le riprende, qualcuno che le incita, qualcuno che si diverte. Queste ragazze che si picchiano – ha detto – come se non ci fosse un domani. Sono delle immagini – ha concluso – che devono far riflettere».
La rissa, con calci, schiaffi e capelli tirati, sarebbe avvenuta lo scorso 28 novembre ma quanto accaduto è emerso solo una volta diffuso il video sui social.
Allo stesso tempo, in serata ha preso posizione anche l’istituto frequentato dalle studentesse.
Con una nota, il dirigente scolastico Emilio Procaccini ha annunciato che «la minore che ha dato il

Un momento della trasmissione Ore 14

via alla lite tramite social è stata sospesa per 14 giorni, con una serie di giorni nella misura dei lavori socialmente utili».
Il preside ha fatto sapere che «In relazione ai fatti accaduti il 28 novembre scorso presso l’Istituto “Morea” ed a seguito del discutibile passaggio televisivo di uno dei video girati, si dichiara quanto segue: la rissa ha visto protagoniste due alunne, una dell’indirizzo economico del “Morea” e un’altra della scuola secondaria di I° grado “Marco Polo”. Lo scontro ha avuto luogo all’esterno dell’edificio scolastico -precisa – poco prima dell’inizio delle lezioni, quando tutto il personale docente, per dovere contrattuale, era in attesa degli studenti all’interno delle aule mentre quello ausiliario era intento nelle operazioni di preparazione della giornata scolastica. Dopo i dovuti riscontri, l’alunna dell’Istituto “Morea” ha ammesso di aver organizzato la rissa, avvertendo tramite tam tam sui social il più elevato numero possibile di studenti che avrebbero potuto assistere. Ritenendo l’organizzazione e lo svolgimento dello scontro fattori di estrema gravità – per aver scelto le pertinenze scolastiche quale luogo di “resa dei conti pubblica” – ai sensi dello “Statuto degli Studenti e delle Studentesse” e del regolamento di istituto, sono stati comminati, da parte del Consiglio della Classe interessata, gli opportuni provvedimenti disciplinari che, comunque, prevedono anche misure di tipo educativo».

Un frame del video

Un frame del video

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X