Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

“Educhiamo insieme alla legalità”:
un anno di incontri
della polizia nelle scuole

ANCONA - Il progetto ha coinvolto gli studenti di tutti gli istituti di primo e secondo grado del capoluogo, per un totale di oltre 1300 studenti delle medie e oltre 1000 studenti delle superiori

Si è chiusa oggi alla scuola primaria di Pietralacroce dell’Istituto Augusto Scocchera, la campagna di prevenzione e sensibilizzazione “Educhiamo insieme alla legalità”, iniziata con l’avvio dell’anno scolastico 2022/23 e realizzata dalla questura in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale, specificamente rivolta agli studenti degli istituti scolastici di Ancona e della provincia.
In particolare, d’intesa con i dirigenti degli istituti nella competenza territoriale dei Commissariati di di Jesi, Senigallia, Osimo e Fabriano, si sono svolti nell’arco dell’intero anno scolastico una serie di incontri di educazione alla legalità, destinati agli studenti di ogni ordine e grado.

La campagna di prevenzione ha visto coinvolti, dall’inizio dell’anno scolastico, diverse componenti della polizia: i poliziotti di Prossimità, per un dibattito con i ragazzi sull’inclusione ed il contrasto ad ogni forma di discriminazione e al rispetto del prossimo; i Cinofili del Raggruppamento di Ancona, per un’attività di prevenzione e controllo, di eventuali conflittualità e tensioni, che potrebbero nascere in concomitanza con l’entrata e l’uscita degli studenti dai plessi scolastici e durante la ricreazione del mattino; la polizia Postale, con interventi mirati volto a educare i giovani a un corretto uso degli strumenti informatici, dei social e degli strumenti di messagistica, tanto diffusi tra le nuove generazioni e cyber bullismo: la Stradale per educare gli studenti alla sicurezza della circolazione e alla prevenzione degli incidenti e l’Anticrimine per la prevenzione di bullismo, cyberbullismo e violenza di genere, con interventi specifici per illustrare ai docenti e agli studenti gli strumenti di prevenzione dell’Ammonimento del questore, nelle forme diverse: stalking, violenza domestica e cyberbullismo.

Il progetto ha coinvolto gli studenti di tutte le scuole di primo e secondo grado del capoluogo, per un totale di oltre 1300 studenti delle medie e oltre 1000 studenti delle superiori e, dove possibile, un approfondimento è stato esteso anche ai genitori degli alunni per illustrare le principali problematiche che agitano il vissuto degli adolescenti.

Quotidianamente la Polizia di Stato è stata accanto alle istituzioni scolastiche della provincia per sostenerle e aiutarle nel difficile compito di educare i ragazzi al rispetto delle regole della “Cittadinanza Attiva e Digitale”.
Dall’inizio dell’anno scolastico diversi sono stati i momenti di riflessione organizzati nelle scuole e continuo è stato il raccordo con i dirigenti scolastici per fornire gli strumenti più appropriati e utili alla sicurezza dei giovani, futuri adulti consapevoli.

Gli agenti dell’Unità Cinofili davanti alla scuola

Nel corso dell’anno sono stati affrontati i diversi temi, organizzando anche eventi specifici non solo nelle scuole ma anche al Teatro Sperimentale che hanno visto sempre un’affollata presenza.

«La campagna di educazione alla legalità rivolta ai giovani studenti – ha detto il questore Cesare Capocasa – è uno degli strumenti fondamentali per sviluppare il loro senso etico, il rispetto delle regole ed il “valore della Legge” ed apprendere così l’importanza della responsabilità civile e dell’impegno ad esercitare in modo attivo il proprio impegno di cittadini. La Polizia di Stato è accanto ai nostri giovani ed ai loro insegnanti per un percorso condiviso e vissuto insieme ogni giorno».

Uno degli incontri nelle scuole (Archivio)

Il direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale e dirigente dell’ambito territoriale di Ancona, Luca Galeazzi ha spiegato che «Si chiude in questi giorni, dopo il periodo della pandemia, un anno scolastico segnato dal ritorno alla didattica in presenza arricchito dalla felice collaborazione con la Polizia di Stato che da anni è al fianco delle Istituzioni scolastiche per sviluppare negli alunni un corretto stile comportamentale. L’apporto fornito dalle Forze dell’Ordine allo sviluppo dei temi della legalità è risultato fondamentale ed è auspicabile che anche nel prossimo anno scolastico possa ripetersi la collaborazione Scuola – Polizia di Stato a tutto vantaggio della comunità scolastica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X