Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

Vede un ragazzo in lacrime,
gli va a parlare e lo salva

PORTO RECANATI - Un carabinierie che si trovava fuori servizio ha notato il comportamento di un giovane e ha deciso di intervenire. E' così venuto fuori che voleva uccidersi e il militare dopo averci parlato l'ha fatto desistere

carabinieri_Archivio_Arkivdi Alberto Bignami

L’ha notato che piangeva e che si trovava in stato confusionale per la strada, in zona Montarice a Porto Recanati. Un brigadiere dei carabinieri, fuori servizio, non è rimasto però indifferente a quella scena accaduta nella tarda mattinata.

Il militare lo ha osservato prima da lontano poi, vedendo che si stava avvicinando ad un’auto in sosta per salirci, capendo che era proprio quella del giovane e che l’uomo non avrebbe potuto guidare in quelle condizioni, ha deciso di andare verso di lui e chiedergli se ci fosse qualcosa che non andava, se stesse bene.

Il ragazzo, forse proprio nel vedere una persona interessata allo stato di malessere che lo stava travolgendo, si è aperto col militare dicendo che stava andando ad uccidersi: «Trovo il modo di ammazzarmi, in qualche modo lo trovo» ha detto mentre intorno alcuni passanti stavano notando la scena.

Tra i due è nato subito un dialogo. Il carabiniere gli ha parlato pacatamente per cercare di farlo calmare e convincendolo poi a non mettersi alla guida dell’auto. Quando la situazione pian piano si è tranquillizzata, ha quindi chiamato il 112 e sul posto sono intervenuti i carabinieri di Porto Recanati con un’ambulanza del 118.

Nel frattempo, un piccolo capannello di persone si era radunato nella zona. Il giovane, che non era del posto, è stato quindi affidato alle cure del personale sanitario per poi essere trasportato in ospedale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X