Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

Tifoso picchia l’arbitro
durante la partita di basket:
scatta anche il Daspo

ANCONA - Era accaduto durante la gara tra Senigallia e Montegranaro

Era stato aggredito durante una partita di Basket, prima sospesa e dopo interrotta definitivamente, a causa di un genitore di uno dei giovani atleti che ha picchiato l’arbitro.
L’episodio era accaduto lo scorso 22 marzo durante la partita tra Senigallia e Montegranaro.
Immediata la risposta del questore di Ancona che ha firmato un Daspo nei confronti del tifoso che commesso il gesto antisportivo e di pessimo esempio.
La Divisione Anticrimine della questura dorica, a seguito dell’istruttoria, ha emesso la misura di prevenzione nei confronti dell’uomo: un 51enne. A causa dell’accaduto, inoltre, il giudice sportivo ha squalificato per cinque gare, il campo del Montegranaro Basket proprio a seguito dell’invasione di campo effettuata dall’uomo durante la partita a Senigallia.
Il questore ha ordinato che al 51enne sia interdetto l’accesso, a partire dalle due ore precedenti l’inizio delle manifestazioni e fino a due ore dopo la conclusione delle stesse, ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive della medesima tipologia. Inoltre, è stato avvisato che la violazione del provvedimento comporta la reclusione da uno a tre anni e la multa da 10mila fino a 40mila euro.
Dall’inizio dell’anno sono già 15 i provvedimenti di Daspo sportivi emessi dalla questura dorica, per un totale cumulativo di 58 anni. In particolare, si tratta di 4 Daspo della durata di un anno; 7 Daspo della durata di 2 anni e 4 Daspo della durata di 5 anni.
«E’ fondamentale – ha commentato il questore – garantire che tutte le manifestazioni sportive si svolgano in tranquillità ed in sicurezza, soprattutto quando riguardano giovani e giovanissimi. Il nostro impegno garantisce risposte immediate affinché non si verifichino più situazioni di questo tipo».

Partita di basket tra ragazzini choc: tifoso picchia l’arbitro, match sospeso

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X