Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

Auricolari e webcam high-tech
per superare l’esame della patente:
scoperti e denunciati

ANCONA - E' stato necessario anche l'intervento del personale sanitario per estrarre dalle orecchie dei due candidati gli auricolari, finiti in profondità. A scoprirli sono stati gli agenti della polizia Stradale

Le apparecchiature trovate e sequestrate

Sono stati scoperti dagli agenti della polizia Stradale delle Marche, due candidati che si erano presentati per sostenere l’esame teorico per la patente di guida di categoria B, utilizzando delle apparecchiature utili pe ricevere le risposte esatte.
Nei confronti di un cittadino pakistano, su precedente sollecitazione della Motorizzazione Civile di Ancona, gli agenti della polizia Stradale di Ancona sono intervenuti nella sala esami dello stabile, sorprendendolo mentre stava sostenendo gli esami aiutato da un suggeritore esterno.
Al termine della prova, superata brillantemente, i poliziotti hanno scoperto, nascosta tra gli indumenti, una microtelecamera, in corrispondenza di un foro creato ad arte nella parte superiore della maglietta indossata dall’uomo, in grado di inquadrare il monitor sul quale venivano proposti i quiz.
Il dispositivo trasmetteva le immagini all’esterno della Motorizzazione a complici che suggerivano le risposte esatte mediante gli auricolari indossati dai candidati in collegamento telefonico. Durante le perquisizioni sono stati ritrovati numerosi bluetooth, microcamere, smartphone, modem wi-fi, portatili e capi di abbigliamento opportunamente confezionati per nascondere l’attrezzatura utilizzata per eludere la sorveglianza durante gli esami teorici.

L’altro, fermato dagli agenti della Sezione polizia Stradale di Pesaro, aveva addirittura un telefono cellulare attaccato con nastro adesivo alla spalla sinistra, al quale era collegato un cavo con un microfono. La felpa indossata aveva un foro posto sulla spalla sinistra in modo da riprendere le domande della prova che, tramite wi-fi, venivano trasmesse al suggeritore a distanza.

In particolare, i due indossavano una microtelecamera occultata nei bottoni degli abiti, collegata ad un modem video wireless, che trasmetteva al suggeritore le immagini dei quiz, ed un micro-auricolare inserito talmente in profondità all’interno dell’orecchio da rendere necessario l’intervento del personale sanitario per l’estrazione. Anche quest’ultimo device era collegato tramite modem audio wireless.
Accompagnati negli uffici della Stradale, sono stati denunciati per truffa e le strumentazioni poste a sequestro.
Il fenomeno, assai diffuso, desta forte preoccupazione ed è particolarmente monitorato dagli organi investigativi della polizia Stradale, in quanto il possesso di una patente di guida da parte di persone prive di una seppur minima conoscenza delle regole del Codice della Strada costituisce un serio pericolo per la sicurezza stradale e per l’incolumità di tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X