Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

Emergenza cinghiali, Mastrovincenzo:
«Regione e Comune immobili»

ANCONA - Il consigliere regionale del Partito Democratico rileva che «al di là di qualche cattura sporadica di ungulati, la situazione sembra ancora molto critica» e per sollecitare misure adeguate ed efficaci ha depositato una nuova interrogazione a tema

I sette cinghiali avvistati sotto alla Regione

 

Proseguono gli avvistamenti e le problematiche relative alla presenza di cinghiali nel territorio urbano di Ancona. «Negli ultimi mesi si parla di avvistamenti all’ex Crass dove scorrazzano tra gli ambulatori, a Posatora dove un’auto ne ha investito uno, fortunatamente senza conseguenze per la ragazza alla guida, nella campagna nelle vicinanze dell’ospedale di Torrette, a Vallemiano, al Piano, in via Angelini, al Pincio, a Villa Beer, alla Cittadella, a Borgo Rodi, quindi fin nel cuore della città, dove provocano danni a cose e a persone, creando preoccupazione tra i cittadini» ricorda il consigliere regionale Antonio Mastrovicenzo (Pd).

Già il 30 marzo dello scorso anno il Gruppo consiliare regionale del Partito Democratico aveva presentato una interrogazione specifica su questo tema «e, in aula, l’assessore Antonini aveva risposto dichiarando che nel 2021 è stato adottato un protocollo d’intesa che ha visto il coinvolgimento di tutti gli attori che hanno competenze tecniche in materia e che la Regione aveva messo a disposizione dei Comuni risorse per acquistare attrezzature di prevenzione e gabbie di cattura.- rammenta il consigliere dem – Il protocollo prevedeva anche il potenziamento della Polizia provinciale sia in termini di organico che in termini di risorse, ed anche un maggior potere da assegnare ai sindaci per poter intervenire e affrontare questo fenomeno. Nulla sembra essere stato fatto».

Antonio Mastrovincenzo, consigliere regionale del Partito Democratico

Mastrovincenzo nella sua nota mette in evidenza, tra l’altro, che «il Piano straordinario proposto dal Governo Meloni, anche secondo l’assessore, non sviluppa in modo sufficiente strategie di contrasto per la presenza dei cinghiali in ambito urbano e della proposta di legge regionale che doveva normare gli interventi di controllo nelle aree urbane non si è saputo più nulla. Quindi, al di là di qualche cattura sporadica di ungulati, la situazione sembra ancora molto critica, con un sostanziale immobilismo da parte di Regione e Comune. Per sollecitare ulteriormente misure adeguate ed efficaci oggi ho depositato una nuova interrogazione, sperando possa svegliare dal torpore chi avrebbe dovuto invece intervenire da tempo» conclude il consigliere regionale del Partito Democratico.

 

Per evitare il cinghiale esce di strada e finisce contro un albero: mamma e bimbo di 10 anni al Salesi

In cerca di cibo: cinghiali avvistati alle Palombare

Incidente a Posatora: auto investe un cinghiale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X