Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

Il Festival Ratatà fa il pieno:
«Tante iniziative, Jesi affollata»

L'ASSESSORE Luca Brecciaroli tira le somme al termine dell'evento. Anche le strutture ricettive, bar e ristoranti della città hanno giovato dell’importante flusso di interessati e curiosi alla kermesse dedicata al disegno, fumetto d’autore, editoria indipendente, all’animazione e alle arti urbane

 

Tanti sono stati gli eventi inaugurati al Festival Ratatà di Jesi, a partire da giovedì 11 aprile fino a domenica 14, dedicati al disegno, al fumetto d’autore, all’illustrazione, all‘editoria indipendente, all’animazione e alle arti urbane. Tutto il tessuto cittadino è stato coinvolto, mettendo in dialogo realtà pubbliche e private che hanno aperto i loro spazi, per ospitare mostre, incontri, murales, performance, proiezioni di cortometraggi d’animazione, installazioni, mercati, concerti. A tenere insieme tutto ciò, la volontà di superare le difficoltà, di mettersi in relazione e costruire attraverso il confronto e lo scambio la necessità di connettersi. Anche le strutture ricettive, bar e ristoranti della città hanno giovato dell’importante flusso di interessati e curiosi che si sono riversati su Jesi nei giorni scorsi.

«Grandissima affluenza, inoltre, alla mostra mercato allestita al Mercato coperto di via Mercantini, dove più di cento tra collettivi artistici, editori indipendenti, studenti e studentesse di accademie di belle arti, provenienti da tutta Europa, hanno presentato in città le loro produzioni, suscitando un notevole interesse durante i giorni del festival. – fa sapere una nota del Comune – Molto apprezzata e partecipata è stata anche la mostra A-dialogoi, il cui titolo fa da filo rosso a tutta l’edizione 2024, allestita nelle sale Betto Tesei di Palazzo Pianetti, che in solo due giornate ha accolto più di 600 visitatori entusiasti di aprirsi ai linguaggi internazionali di artisti e artiste invitati a riflettere sul limite sottile tra comunicazione e impossibilità di comunicare. La mostra, che rimarrà aperta fino al 23 giugno, ospita i lavori dell’artista svizzera Johanna Schaible, del duo taiwanese Lin & Wei Studio, dell’austriaca Tanja Boukal, dello spagnolo Diego Mallo, del sudafricano Anton Kannemeyer e dall’italiano Ema Jons».

Sempre a Palazzo Pianetti è stata inaugurata una seconda mostra, The Ungodz, che ha coinvolto sei artisti e artiste invitati a “dialogare” con l’epica virgiliana di Enea presente nei soffitti settecenteschi, in un gioco di rimandi e di specchi deformanti. In molti hanno assistito curiosi alle sessioni di gioco di ruolo basato sui testi dello scrittore Marco Taddei, che si è dilettato a riscrivere l’avventura dell’Eneide dipinta proprio nei soffitti della pinacoteca. Alla Biblioteca Planettiana, con possibilità di visitarle fino all’11 maggio, sono esposte opere di grandi dimensioni dell’artista Arianna Vairo. Alla Biblioteca dei ragazzi, fino al 16 maggio, le tavole dell’illustratrice Chiara Ficarelli.

«Impossibile elencare – afferma l’assessore alla cultura Luca Brecciaroli – le tante iniziative che hanno affollato e fatto attraversare in maniera per qualche giorno differente la nostra città. Un’atmosfera vibrante e positiva quella che ci ha fatto vivere Ratatà, basata sul dialogo e le relazioni, coinvolgendo anche, e finalmente, i più giovani e le più giovani, oltre ad artisti e artiste di calibro internazionale. Voglio evidenziare anche la qualità dell’offerta culturale e ringraziare tutte quelle persone, associazioni, locali, attività commerciali che hanno lavorato per costruire questo Festival».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X