Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

Ufficio ricostruzione regionale, il giudice:
«Direttore nominato illegittimamente»
Ma non può annullare il contratto

LA SENTENZA della Corte d'appello di Ancona ha confermato la precedente pronuncia del Tribunale del lavoro a cui aveva presentato ricorso Vincenzo Marzialetti. Ha disposto che l'ente lo risarcisca. Ora la palla passa alla Regione che dovrà prendere atto dell'iter e agire di conseguenza

DSC_5947_Regione_Marche-650x433-650x433-325x217

Palazzo Raffaello, sede della Regione

di Alessandra Pierini

«Comportamento illegittimo della Regione nella nomina del direttore dell’Ufficio speciale ricostruzione». A dirlo è una sentenza della Corte d’appello di Ancona che conferma quella precedente del tribunale di Ancona (Giudice del lavoro). 

La nomina risale al 28 febbraio 2022 quando la Regione nominò l’ingegnere Marco Trovarelli direttore dell’ufficio in seguito ad una procedura comparativa. Tra i concorrenti che parteciparono c’era anche Vincenzo Marzialetti, dirigente regionale di ruolo, il quale si è rivolto al Tribunale di Ancona perché riteneva che la Regione avesse sottovalutato i suoi requisiti a vantaggio di quelli di Trovarelli, soggetto estraneo all’amministrazione regionale e non in possesso né della qualifica dirigenziale, né di una particolare e comprovata qualificazione professionale in relazione all’incarico da conferire, come richiesto. Il suo ricorso è stato accolto il 19 dicembre 2022 quando la Regione fu anche condannata al pagamento in favore del dirigente escluso di una somma pari al 5% della sua retribuzione di posizione per tutto il periodo di durata dell’incarico di direzione dell’ufficio speciale della ricostruzione, oltre agli interessi, alla rivalutazione e alle spese legali.

L’ingegnere Trovarelli è però rimasto al suo posto e la Regione ha presentato un ricorso alla Corte d’Appello di Ancona verso Marzialetti. Ancora una volta però, il 28 marzo, il giudice si è espresso a favore di Marzialetti e ha sottolineato che «era uno dei quattro dirigenti regionali a concorrere per il conferimento dell’incarico e che, secondo quanto prospettato dalla stessa Regione, la valutazione del suo curriculum avrebbe dovuto essere effettuata prima di quella dei soggetti esterni all’amministrazione e privi di qualifica dirigenziale. Ritiene il collegio che la Regione abbia violato le norme dell’avviso di selezione che, in base a quanto prevede la legge imponeva la valutazione comparativa dei curricula e una correlata motivazione nella proposta di conferimento, nonché i canoni di correttezza e buona fede, in quanto ha conferito l’incarico senza una plausibile motivazione a un candidato sprovvisto dei requisiti posti dalla legge e dall’avviso di selezione, con ciò rendendosi artefice di un comportamento illegittimo. La Regione va dunque condannata, in presenza di una evidente perdita di chances dell’appellante, a risarcire i danni patrimoniali».

La Corte d’Appello ha quindi riscontrato l’illegittimità della nomina e la condanna della Regione ma il giudice non ha la potestà di annullare la delibera e il contratto in essere con Trovarelli ed ha così riconosciuto al ricorrente solo un indennizzo materiale. Ora naturalmente la palla ripassa all’ente che dovrà prendere atto dell’iter descritto come illegittimo ed agire di conseguenza.

«Il tribunale accoglie ricorso di un dirigente, illegittima la nomina del direttore dell’Ufficio speciale ricostruzione»

Direttore dell’Ufficio ricostruzione: «La Regione dovrà pagare il ricorsista, ma la nomina non è annullata»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X