Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

Impianto di cremazione a Tavernelle:
la Giunta approva il documento
di indirizzo alla progettazione

ANCONA - L’esigenza primaria dell’Amministrazione riguarda l’attivazione per poter offrire il servizio alla cittadinanza e al bacino di utenza dei comuni limitrofi. Si prevede anche la realizzazione di un Giardino della Memoria

L’ingresso principale del cimitero delle Tavernelle (Archivio)

E’ stata approvata dalla Giunta, su proposta dell’assessore ai Lavori Pubblici Stefano Tombolini, il documento di indirizzo alla progettazione del nuovo impianto di cremazione al cimitero di Tavernelle.
«Il servizio di cremazione – afferma Tombolini – è un servizio pubblico destinato a soddisfare un bisogno dell’intera collettività. L’Amministrazione ritiene quindi che debba essere erogato garantendo a tutti il diritto di potersene avvalere. Inoltre – aggiunge -, la realizzazione di un impianto crematorio è funzionale a un’oculata gestione cimiteriale e di contenimento degli spazi, altrimenti sempre crescenti, destinati alla costruzione di loculi funerari. Per questo motivo, anche a livello nazionale, sono incentivati il potenziamento e la diffusione del sistema di cremazione».
L’esigenza primaria dell’Amministrazione Comunale riguarda l’attivazione dell’impianto di cremazione per poter offrire il servizio alla cittadinanza e al bacino di utenza dei comuni limitrofi.

Stefano Tombolini

«La progettazione – rende noto l’Amministrazione – è gestita internamente agli uffici tecnici del Comune e il Documento di indirizzo alla progettazione (Dip), previsto dal nuovo Codice degli Appalti, contiene indicazioni sulle caratteristiche dell’intervento da realizzare. Il successivo progetto di fattibilità tecnico-economica dovrà perseguire l’obiettivo di realizzare un nuovo edificio nell’area libera dietro all’attuale Sala del commiato, che conterrà l’impianto di cremazione».
Si prevede anche la «realizzazione di un Giardino della Memoria: un’area all’aperto – viene spiegato – in cui sia consentita la possibilità di dispersione delle ceneri in natura.
La volontà dell’Amministrazione comunale di costruire un impianto di cremazione all’interno del cimitero di Tavernelle – conclude – era già emersa negli anni passati. Dopo successive valutazioni, è stato ritenuto maggiormente conveniente esternalizzare l’affidamento della realizzazione del forno crematorio, ferma restando, una volta ultimato, l’eventuale valutazione dell’affidamento della sua gestione con modalità in-house providing alla società M&P Mobilità e Parcheggi, oggi Ancona Servizi, attuale gestore dei servizi cimiteriali, per garantire una razionalizzazione complessiva dei costi di gestione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X