Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

Tenta di truffare un 77enne
al parcheggio di Torrette:
lui non ci casca e fa intervenire la polizia

ANCONA - Gli agenti della Squadra Mobile hanno denunciato un 47enne per il quale è stato emesso anche un foglio di via obbligatorio

Una pattuglia della polizia a Torrette (Archivio)

Responsabile del reato di tentata truffa aggravata ai danni di un 77enne, un 47enne napoletano è stato scoperto e denunciato dagli agenti della Squadra Mobile.
Tutto è avvenuto nella mattinata di ieri all’ospedale di Torrette.
La vittima aveva appena raggiunto il nosocomio per effettuare degli accertamenti clinici, posteggiando l’auto all’interno del parcheggio. Terminato l’esame, ha fatto ritorno alla propria vettura quando è stato avvicinato dall’uomo che ha finto di conoscerlo, di essere un amico del figlio, e che quest’ultimo gli aveva richiesto dei pezzi di ricambio di una macchina fotografica.
Per convincere il 77enne, ha anche simulato una conversazione telefonica con il figlio della vittima dicendogli che aveva incontrato casualmente suo padre nel parcheggio dell’ospedale e che avrebbe potuto lasciare a lui i pezzi di ricambio richiesti, in cambio del pagamento di una somma pari a 160 euro.
Il 77enne, caduto nel raggiro, si è convinto a saldare l’importo ma, siccome sprovvisto di contanti, si è accordato per andare ad effettuare un prelievo allo sportello bancomat situato all’interno della struttura ospedaliera mentre il truffatore l’avrebbe aspettato al parcheggio.
Dopo aver prelevato il denaro, ha però deciso di telefonare al figlio per avere quella conferma in più e, proprio lui, lo ha subito bloccato rispondendogli che sicuramente era una truffa.
Prima di tornare al parcheggio è andato quindi negli uffici del posto di Polizia dell’ospedale dove ha raccontato quanto stava accadendo.
Il personale della Squadra Mobile, una volta giunto sul posto, coadiuvato dai colleghi del posto di Polizia, ha provveduto a rintracciare e fermare l’uomo che è stato riconosciuto dalla vittima come il responsabile della tentata truffa.
Accompagnato in questura è stato denunciato per tentata truffa aggravata.
Nei suoi confronti, il questore ha inoltre emesso un foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Ancona per 4 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X