Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

La riqualificazione dell’interno
della galleria del Risorgimento
affidata al designer Enzo Eusebi

ANCONA - L'architetto di fama internazionale, vincitore di numerosi premi, si è laureato nel capoluogo. L'annuncio è stato dato oggi dall'assessore ai Lavori pubblici Stefano Tombolini

Il designer Enzo Eusebi, noto in tutto il mondo (foto tratta dal profilo Linkedin)

di Antonio Bomba

L’interno della galleria del Risorgimento diventerà nelle intenzioni dell’amministrazione una sorta di opera d’arte di design o, quantomeno, un qualcosa di unico e distintivo. Il Comune di Ancona ha infatti deciso di affidare la sua riqualificazione estetica all’architetto di fama mondiale Enzo Eusebi. Per questo motivo i lavori all’impiantistica e al suo decoro subiranno un leggero ritardo rispetto ai tempi precedentemente ipotizzati e per cui è stato acceso un mutuo di 400mila euro.

Originario di San Benedetto e con lo studio a Martinsicuro, Eusebi si è laureato ad Ancona e nel corso della sua carriera ha vinto premi e ottenuto riconoscimenti in ogni continente.

A darne notizia è stato questa mattina l’assessore ai Lavori pubblici Stefano Tombolini, rispondendo a un’interrogazione urgente posta sul tema galleria dalla consigliera Maria Grazia De Angelis: «La Galleria del Risorgimento – ha così esordito la rappresentante di Fratelli D’Italia – dal 2013 non è più attenzionata da lavori interni, mentre all’esterno abbiamo l’arte muraria di Run che farà di essa un’opera d’arte. All’interno invece tra vetustà e smog la galleria è messa veramente male. Cosa intende fare l’amministrazione a tal proposito?».

Enzo Eusebi (foto tratta dal sito internet personale)

Tombolini prima di rispondere ha effettuato un interessante preambolo: «Siamo contenti di aver animato il dibattito pubblico, prima cambiando colore alla galleria in azzurro e adesso con le grafiche di Run. Il dibattito pubblico ci interessa molto e serve a ricevere suggerimenti». L’assessore prosegue a spiegare come «ci interessa molto il parere delle persone perché appena uno fa una cosa, sia che piaccia che no, si alza subito l’asticella e il livello del dibattito. E infatti adesso si sta parlando del decoro interno».

Detto questo il delegato del sindaco è entrato nello specifico della risposta spiegando che «la progettualità è un problema interno. Tenete conto che quando abbiamo fatto la tinteggiatura esterna di azzurro abbiamo anche tentato di fare una pulizia all’interno con l’idrogetto. Però la vetustà e il difetto manutentivo sono tali che anche uno schizzo caldo ad acqua pressione non permette di ottenere risultati di qualità». Detto questo «I lavori da fare però sono previsti e anche da tempo. La galleria è di poco superiore ai 500 metri ed è già progettato un intervento di riqualificazione impiantistica della galleria. Però stiamo cercando di fare anche di meglio assieme agli uffici».

L’opera di Run sulla prima facciata all’ingresso della galleria del Risorgimento

Ed è qui che esce fuori la notizia: «Abbiamo infatti iniziato – è sempre l’assessore a spiegare – una collaborazione con un professionista di San Benedetto che si è laureato ad Ancona, Enzo Eusebi. È un architetto e designer ormai di fama internazionale. Ha lavorato in tutto il mondo e ha grandi capacità di valorizzare ogni tipo di architettura, con tagli molto significativi». Tombolini va avanti: «il percorso passerà anzitutto attraverso il rilievo tridimensionale della galleria, al fine di poter avere una progettazione che ci porti in una dimensione che sappia assegnare a quell’involucro un qualcosa di speciale. Abbiamo accettato questa sfida per immaginare questo ‘tubo’ come un qualcosa di più, un qualcosa di bello».

Per fare tutto questo però ci vorrà ancora un po’ di tempo: «La galleria più o meno è in questo stato da circa 30 anni. Pensiamo quindi che la città possa aspettare ancora qualche mese onde evitare di investire delle risorse che poi andrebbero sprecate. Queste (cioè le risorse, ndr) sono già allocate con 400 mila euro a mutuo e inserite nel piano triennale delle opere pubbliche. Siamo fiduciosi. E nel mentre gli uffici passeranno ad effettuare degli adeguamenti impiantistici ove sarà possibile».

Stefano Tombolini, assessore ai Lavori pubblici

Infine Tombolini ha anche spiegato che una volta completata l’opera all’ingresso in via Bocconi, i lavori esterni subiranno una breve pausa: «Run è un artista internazionale. E l’artista completerà la facciata su via Bocconi entro aprile. Poi il 4 maggio ha un impegno a Shangai per fare una delle sue rappresentazioni su un isolato della cittadina cinese. Aveva già un contratto e ci aveva avvisato di questo. Ci ha dato come data di rientro metà di maggio. Speriamo pertanto di concluderli con una bella festa».

Soddisfatta della risposta De Angelis: «Grazie assessore. Solo oggi vengo a sapere di questa nuova opera d’arte interna che si aggiunge a quella esterna, in questi anni son stati fatti ben 2 interventi per infiltrazioni di acqua. Per cui se tutto verrà ripristinato avremo finalmente una galleria efficiente».

Maria Grazia De Angelis, Fdi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X