facebook rss

Jp Industries, domani
nuovo incontro al ministero

FABRIANO - Alla festa di Melano fa da contraltare la rabbia dei lavoratori ex Antonio Merloni. "A settembre finisce la cassaintegrazione, senza una ripresa della produzione lo scenario è drammatico" ricordano Fiom, Fim e Uilm di Ancona e Perugia, domani al tavolo con banche e proprietà convocato a Roma
mercoledì 15 febbraio 2017 - Ore 16:08
Print Friendly, PDF & Email

Jp Industries

La inaugurazione della fabbrica modello Whirlpool di Melano (leggi l’articolo) non fa dimenticare le altre vertenze del Fabrianese. Domani giovedì 16 nuovo incontro al ministero dello Sviluppo economico per la Jp Industries rilevata dall’imprenditore Porcarelli. “Il tempo stringe, non possiamo più aspettare” scrivono Fiom, Fim e Uilm di Ancoan e Perugia. Martedì a margine della inaugurazione di Melano, nell’ufficio del sindaco Sagramola, si sono incontrati i rappresentanti sindacali degli stabilimenti Jp di Fabriano e Gaifana con il vice ministro allo sviluppo economico Bellanova per riprendere quella che i metalmeccanici chiamano la “infinita vertenza che coinvolge i lavoratori della ex Antonio Merloni”. “In previsione dell’incontro previsto il 16 febbraio al Mise, a cui parteciperanno banche e nuova proprietà, le organizzazioni Sindacali, dopo aver illustrato la drammatica situazione lavorativa del territorio Fabrianese e di quello umbro, hanno chiesto al governo di mettere in campo tutte le pressioni e tutti gli interventi possibili affinché ognuno degli attori coinvolti in questa vicenda vengano richiamati alle proprie responsabilità ed al mantenimento degli impegni presi” scrivono in una nota i sindacati di categoria.
“Si ricorda che a settembre del 2017 è prevista la fine della cassa integrazione e se non ci sarà una ripresa reale delle produzioni gli scenari che si potrebbero configurare sarebbero drammatici per le lavoratrici ed i lavoratori – concludono Fiom, Fim e Uilm -. Il vice ministro ha ribadito e confermato l’impegno di monitorare costantemente la
situazione, come già sta facendo da mesi, a cominciare dal piano industriale, al suo finanziamento ed alla partita dei riparti, di informare immediatamente le organizzazioni sindacali sugli esiti dell’incontro del 16 febbraio prendendosi l’impegno di convocare, in tempimolto rapidi, un tavolo allargato con tutti i le parti coinvolte in questa drammatica
vertenza”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X