facebook rss

Mago della truffa online,
arrestato 22enne

FABRIANO - Preso dalla polizia dopo aver raggirato decine di inserzionisti sui siti di aste e compravendite. Fingeva il bonifico e si faceva consegnare la merce, senza averla pagata. E' stato sorpreso dagli agenti, che hanno inseguito il corriere con l'ultimo pacco per lui
giovedì 16 febbraio 2017 - Ore 14:59
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Fingeva di aver versato il bonifico con false ricevute, così riusciva ad ingannare gli inserzionisti nei siti di annunci. I venditori erano convinti di aver concluso l’affare e gli spedivano a casa la merce tramite corriere. Salvo poi accorgersi, dopo giorni, di non aver ricevuto un euro sul proprio conto corrente. Un meccanismo quasi perfetto, che negli ultimi tre anni ha fruttato ad un giovane fabrianese ben 11 denunce per truffa e colpito decine di venditori. Quasi perfetto, al punto che il ragazzo era convinto di farla franca. Tanto spavaldo e sicuro di sé da essersi congratulato con la polizia, quando ieri gli hanno fatto scattare le manette ai polsi. “Complimenti” ha sorriso agli agenti del commissariato di Fabriano, diretto da Sandro Tommasi, e sorpreso con in mano l’ultimo pacco appena ricevuto dal corriere. E’ finita così la carriera da truffatore seriale di un italiano classe 1995, disoccupato, residente a Fabriano.

Le indagini sono partite dalla provincia di Grosseto, quando una ragazza lo scorso 13 febbraio ha sporto querela alla questura per truffa nei confronti del fabrianese. La ragazza ha raccontato che circa un mese prima, aveva messo in vendita su un sito di annunci, una fotocamera reflex marca Nikon modello D60 al prezzo di 300 euro. All’annuncio ha risposto il ragazzo di Fabriano, e l’affare sembrava concluso. Alla ragazza il truffatore aveva inviato una copia del versamento effettuato sul conto corrente postale indicato. Peccato che la ricevuta era falsa e nessun bonifico era stato fatto. Di qui la denuncia e le indagini del commissariato che hanno permesso di rintracciare il ragazzo prima della consegna della merce. Come in un film, gli agenti hanno intercettato il corriere per pizzicare il truffatore in flagranza di reato. Appena ricevuto il pacco, sono scattate le manette. Dal primo controllo, il giovane fabrianese arrestato risultava avere a suo carico già 11 denunce per il reato di truffa nell’arco di oltre tre anni. Difficili da sventare perché una volta ritirata la merce, spedita consapevolmente dai venditori, dimostrare il raggiro è praticamente impossibile. Il 22enne si era perciò specializzato, progettando i colpi in rete, prendendo di mira soprattutto prodotti informatici che gli potevano permettere ottimi guadagni.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X