facebook rss

L’Inrca chiama all’appello
i giovani disoccupati

STUDIO - L'Istituto di ricerca lancia l'appello ai ragazzi tra i 18 e i 29 anni senza lavoro e fuori dai percorsi di formazione per raccogliere i suggerimenti e le richieste della generazione Neet (nè impiegati, nè studenti). Il 28 febbraio e il 7 marzo due incontri a Villa Gusso
lunedì 20 febbraio 2017 - Ore 17:29
Print Friendly, PDF & Email

La sede Inrca di via della Montagnola, in foto d’archivio

 

Parte il progetto “Be the Change” sull’apprendimento intergenerazionale. L’Inrca sta cercando ragazzi tra i 18 e i 29 anni che non sono iscritti a percorsi formativi e ancora non lavorano, per partecipare a due incontri che si svolgeranno il 28 febbraio e il 7 marzo nella sede di Villa Gusso in via Santa Margherita 5 ad Ancona. L’obiettivo è raccogliere opinioni ed esigenze dei giovani in ambito formativo e lavorativo. Per partecipare gratuitamente è possibile telefonare al numero 071 8004605 dalle ore 8,00 alle 14,30. “Grazie agli spunti che emergeranno dagli incontri – spiega la dott.ssa Sara Santini, sociologa del Centri ricerche economico sociali sull’invecchiamento dell’Inrca e responsabile scientifico del progetto – potremo strutturare un corso gratuito che risponda alle esigenze di quei tanti ragazzi che sono fuori dal mercato del lavoro, per avviare un’attività economica”. Gli incontri rientrano nella fase iniziale del progetto europeo Be the Change, finanziato all’interno del programma Erasmus+ con l’obiettivo di favorire la trasmissione di competenze tra imprenditori anziani e ragazzi che non studiano e non lavorano (i cosiddetti Neets- Not in education employment and training). “È un tentativo – aggiunge – di colmare il divario tra offerta formativa e fabbisogno di conoscenze dei più giovani in materia d’impresa, valorizzando al contempo l’esperienza di imprenditori senior acquisita nel corso della vita”. Una volta raccolte le esigenze dei giovani infatti, verrà elaborato un corso dove gli imprenditori, in qualità di insegnanti, forniranno strumenti utili all’inserimento dei ragazzi nel mondo del lavoro, partendo dalla propria esperienza. Il progetto, coordinato dall’Inrca in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia e altri 4 partner stranieri, coinvolgerà oltre 70 imprenditori e 150 ragazzi in 5 Paesi europei.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X