facebook rss

Riapre il negozio danneggiato,
appello Cna ai vandali: “Fermatevi”

ANCONA - Il Break Zone di via Elia aveva chiuso, come forma di protesta della titolare Alessandra Marchetti. A quasi un mese dalla decisione torna l'attività
mercoledì 1 marzo 2017 - Ore 13:06
Print Friendly, PDF & Email

Da sinistra: Andrea Cantori Segretario Cna, l’imprenditore Giampiero Schiavoni, Loredana Giacomini Presidente Cna e l’imprenditrice Alessandra Marchetti nel negozio 2 Break Zone

Il cartello della titolare, messo dopo l’ultimo atto vandalico

Preso di mira dai vandali la titolare aveva deciso di chiudere l’attività, in via Elia, ad Ancona. Ora il negozio Break Zone, locale di distributori automatici (leggi l’articolo), riaprirà. E lo fa con un appello lanciato dal presidente e da segretario della Cna Ancona diretto ai vandali. “Alessandra Marchetti e Giampiero Schiavoni – dicono Loredana Giacomini e Andrea Cantori – sono due piccoli imprenditori che con coraggio hanno avviato l’attività alcuni mesi fa. Si svegliano la mattina per andare a lavoro, si danno da fare nella loro attività commerciale perché credono nella città che la ospita. Vivono la loro vita con fatica, ma con passione. Fermatevi prima di diventare individui che oltrepassano la soglia del lecito e del bene, prima di essere coloro che devastano e opprimono i deboli di turno”. L’associazione di categoria continua rivolgendosi agli autori degli episodi che hanno esasperato Marchetti al punto di abbassare la serranda della sua attività e dice loro di pensare che ogni volta che colpiscono i loro distributori devono capire che stanno sfregiando il loro lavoro. “Ogni volta che rompete i loro muri, voi state distruggendo i loro risparmi – dicono Giacomini e Cantori – ogni volta che occupate per ore i loro locali voi state opprimendo i loro sacrifici. Lavoro, risparmi, sacrifici, del tutto simili a quelli di tante persone comuni, come forse anche dei vostri genitori. Ebbene, le conseguenze delle vostre azioni possono portare alla chiusura di questa piccola attività, rendendo vano ogni sforzo fatto fino ad ora, facendo perdere il lavoro ad Alessandra e Giampiero. Facciamo appello al vostro cuore, al vostro senso di responsabilità, alla vostra umanità”

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X