facebook rss

“Ti porto al porto”,
gli studenti marchigiani
alla scoperta dello scalo dorico

ANCONA - Per il terzo anno consecutivo riparte l'iniziativa per far conoscere ai più giovani la realtà protuale e le sue attività. Attesi per questa edizione oltre 800 ragazzi delle scuole primarie delle Marche che a bordo di un traghetto esploreranno il golfo anconetano
martedì 14 Marzo 2017 - Ore 16:57
Print Friendly, PDF & Email

 

Partita oggi (14 marzo) la terza edizione del progetto “Ti porto al porto”, per far conoscere anche ai più piccoli lo scalo del capoluogo marchigiano e le sue tante attività. Saranno oltre 800 gli studenti delle scuole primarie delle Marche che quest’anno andranno alla scoperta dello scalo a bordo di un traghetto. L’iniziativa anche quest’anno sarà realizzata grazie alla collaborazione degli operatori portuali del servizio traffico e passeggeri.
Quest’anno saranno 20 le scuole in visita al porto fino al 24 Maggio 2017, con circa 900 partecipanti tra studenti e insegnanti, provenienti da tutto il territorio regionale (Ancona, Polverigi, Falconara, Offida, Ascoli Piceno, Macerata, Tolentino). I giovani avranno modo di conoscere le varie realtà economiche ed occupazionali del porto, scopriranno le diverse funzioni e attività dello scalo e visiteranno le varie zone operative. L’escursione – completamente gratuita – prevede per le scolaresche una visita a bordo di un traghetto e, al termine della mattinata, gli alunni riceveranno l’attestato di “Esperto del porto in virtù delle conoscenze acquisite”.
«Anche quest’anno il progetto ha riscosso molto entusiasmo da parte degli Istituti scolastici della Regione, tanto che i posti disponibili, seppur aumentati rispetto allo scorso anno, sono andati esauriti nel giro di pochissimi giorni», ha dichiarato il presidente dell’Adsp Rodolfo Giampieri. «Questo ci gratifica molto e ci rafforza nel proposito di proseguire il dialogo tra il territorio ed il porto perché si tratta di una realtà sociale, economica e storica di cui la popolazione sente molto forte la necessità di riappropriarsi, soprattutto in questo periodo in cui la blue economy rappresenta un’importante risorsa per l’occupazione. Voglio ringraziare – ha proseguito – sia i dirigenti scolastici, che con grade disponibilità condividono con noi questo obiettivo, che gli operatori portuali i quali, con la loro professionalità, ci aiutano a concretizzarlo. Obiettivo per il 2018 sarà di estendere l’iniziativa a tutti i porti dell’Autorità di sistema».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X