facebook rss

Ikea Ancona
per i bambini migranti
“Non lasciamoli soli”

L'INIZIATIVA - L'appello ai clienti dello store ad acquistare matite colorate, pastelli, libri da colorare da donare ai piccoli in fuga da guerre e povertà, in collaborazione con Unicef. Il kit ludico verrà consegnato dagli operatori dell'organizzazione a bordo delle navi di salvataggio della Guardia costiera come primo momento di supporto ed accoglienza
giovedì 16 marzo 2017 - Ore 19:12
Print Friendly, PDF & Email

Lo store Ikea di Ancona

 

Vestiti puliti, matite, pastelli, libri da colorare. Oggetti semplici per provare a donare un pizzico della quotidianità perduta ai bambini migranti in fuga da guerre e povertà. L’appello, lanciato anche dall’Ikea di Ancona ai propri clienti, affinché da domani (17 marzo) al 26 acquistino nel punto vendita alcuni di questi prodotti che verranno poi confezionati in kit ludici da regalare ai piccoli ed alle loro mamme. Un progetto realizzato in collaborazione l’Unicef, il Comune di Lampedusa e la Casa Evangelica Valdese di Vittoria (Rg). In tutto saranno donati all’Unicef 250 kit da destinare a mediatori e operatori sociali dell’organizzazione presenti sulle navi della Guardia Costiera per garantire, fin dal momento del salvataggio, un’adeguata accoglienza ai minori presenti sulle navi. Ed anche Ancona può fare la sua parte. I team Unicef/Intersos a bordo offriranno ai più piccoli e alle loro madri un primo supporto psicosociale e e semplici prodotti utili a ritrovare una normalità lontana da tempo.

Ancora due i progetti attivi nel mese di marzo a cui partecipa Ikea Italia, rivolti a bambini e bambine migranti che arrivano in Italia non accompagnati. Le iniziative si terranno in Sicilia, ma è possibile dare il proprio contributo da tutti gli store del marchio svedese, compreso quello di Ancona.

In collaborazione con il Comune di Lampedusa, Ikea arrederà due appartamenti di proprietà del Comune che ospiteranno minori non accompagnati che non possono essere ospitati nel centro di accoglienza, nuclei familiari con bambini e i volontari a supporto dell’organizzazione che si occupa del soccorso e dell’accoglienza.

Con la Casa Valdese di Vittoria e in collaborazione con la Prefettura di Ragusa, invece, Ikea arrederà il centro destinato alla prima accoglienza di donne migranti minorenni, non accompagnate, che formalizzeranno richiesta d’asilo.

Com’è possibile aiutare? I clienti potranno acquistare nel punto vendita di Ancona gli articoli necessari a completare l’arredo degli appartamenti e del centro, destinandoli ai due progetti.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X