facebook rss

Torrette come un dormitorio,
senzatetto occupano l’ospedale
Denunciati cinque clochard

ANCONA – Una coppia italiana si era accampata con le coperte a formare un letto matrimoniale in una sala d’attesa degli ambulatori, un terzo era poco vicino. Altri due dormivano nell’area del parcheggio
sabato 18 Mar 2017 - Ore 14:58
Print Friendly, PDF & Email

Mendicanti all’ospedale regionale di Torrette nelle foto di Giusy Marinelli

 

Controlli all’ospedale di Torrette della squadra volante della polizia, spunta un dormitorio di disperati e senzatetto. In tutto sono stati denunciati cinque senza fissa dimora che avevano scelto la cittadella sanitaria regionale come loro rifugio di fortuna per la notte. Attorno alle 3 di questa notte, gli agenti hanno notato un cumulo di stracci che spuntava da una siepe nella zona del parcheggio. Da coperte e cartoni sono riemerse due persone, un extracomunitario di 50 anni originario della Tunisia, regolare in Italia, e un cittadino della Romania di 28 anni, entrambi senza fissa dimora e con precedenti per reati contro il patrimonio e la persona. I due erano riusciti a ricavarsi un letto di fortuna tra le siepi del parcheggio. I poliziotti hanno quindi continuato i controlli nell’ospedale e all’intero di una sala d’attesa di un ambulatorio si sono imbattuti in un vero dormitorio: una coppia di italiani, lei di 57 anni e lui di 51 anni, avevano unito le sedie per formare un letto a due piazze e qui si erano accampati con coperte e vecchi indumenti. Con loro avevano anche una grossa busta di tela che era tutto il loro bagaglio, piena di effetti personali e generi alimentari. Mentre gli agenti hanno iniziato a identificare la coppia, un terzo senzatetto è spuntato fuori da un davanzale poco lontano della stessa sala d’aspetto. Un cittadino romeno di 34 anni, con a suo carico un foglio di via obbligatorio da Ancona. Per tutti e cinque i clochard è partita la denuncia per invasione di edifici e terreni, mentre il romeno è stato denunciato anche per il mancato rispetto del foglio di via.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X