facebook rss

Ancona 1905, Mancinelli:
“Imprenditori veri, fatevi avanti”

CALCIO – Sindaco e assessore Guidotti replicano alle accuse di essere lontani dalla squadra e lanciano l’appello agli investitori. Al Comune il marchio
mercoledì 22 marzo 2017 - Ore 15:20
Print Friendly, PDF & Email

Il sidnaco Mancinelli

 

di Emanuele Garofalo

“Siamo amareggiati e sconcertati, da quasi quattro anni abbiamo visto sfilare una serie di progetti, tutti falliti miseramente. Se ci sono imprenditori degni di questo nome, diciamo di farsi avanti, perché il momento è questo. Noi garantiamo a tutti che saremo a disposizione per quello che ci compete: la messa a disposizioni degli impianti e delle operazioni di investimento da fare nelle strutture sportive”. Un appello per rilevare l’Ancona 1905 e salvarla dal baratro della retrocessione e del fallimento. Più di questo, il Comune non può fare. Così il sindaco Mancinelli e l’assessore Guidotti sono intervenuti nella crisi nera in cui è precipitata la squadra di calcio. Crisi di risultati, ma anche finanziaria e societaria. Il Comune cosa intende fare per questo pezzo di comunità cittadina? “Quello che non faremo mai è cercare i singoli imprenditori per fare promesse indicibili e avere in cambio un apparente salvataggio della squadra” replica Mancinelli, che invece lancia un “appello sentito agli imprenditori veri: se ci siete, fatevi avanti”. Il sindaco ci tiene a sottolineare che Palazzo del Popolo si è interessata della vicenda, per quello che compete alla giunta: urbanistica e impianti sportivi. Mancinelli e Guidotti ricordano la disponibilità del Comune per la cessione dell’area vicina allo stadio Del Cònero come campo di allenamento, oppure della gestione dello stadio Dorico, o infine della concessione del del campo Figc della Baraccola. Tutti interessamenti dell’Ancona 1905 “finiti in un nulla di fatto” commenta Mancinelli. “Siamo molto delusi da questa società e ci sentiamo traditi, li abbiamo accolti a porte spalancate” aggiunge l’assessore allo sport Andrea Guidotti. “Ma non possiamo metterci noi a cercare gli imprenditori che rilevano l’Ancona, non sarebbe corretto e regolare” conclude Guidotti. “Il prossimo che si farà avanti, lo presenteremo alla città e ai tifosi in un incontro pubblico, così ognuno potrà sentire la serietà della proposta” aggiunge Mancinelli. Poi c’è la questione del marchio. Il consigliere M5S Francesco Prosperi ha interrogato l’assessore Guidotti sulla operazione che, per scelta dei tifosi, vedrà il Comune come custode del marchio di proprietà dell’Us Ancona 1905. “Il Comune è in trattativa con Sosteniamolancona – ha spiegato Guidotti – per la donazione dei marchi, senza oneri finanziari o spese previste per il Comune, e per la individuazione della società garante per l’assegnazione temporanea dei marchi ai titolari della squadra di calcio. Attualmente ci stiamo attendendo che ci venga fornita l’identità di detta società garante (espressione di tutte le componenti della tifoseria bianco rossa) per poi addivenire all’approvazione dell’atto di donazione”. Dunque operazione a costo zero per il Comune e saranno sempre i tifosi a decidere a chi sarà assegnato il marchio, tramite la società garante.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X