facebook rss

Sesso e amore spiegati ai giovani,
“Affari di cuore” all’Informabus

ANCONA - Da marzo a dicembre il camper del servizio di strada a disposizione dei giovani: “puoi chiedere ciò che vuoi” a un team di professionisti. Al via anche sito web
giovedì 23 marzo 2017 - Ore 20:40
Print Friendly, PDF & Email

La nuova iniziativa di educazione sessuale ed affettiva del Comune di Ancona e Area vasta 2

 

di Giampaolo Milzi

“Affari di cuore”, ovvero “dove puoi chiedere quello che vuoi”. Detta così, può sembrare una specie di Lampada di Aladino. E in effetti lo è, se circoscriviamo il campo delle domande al vastissimo e problematico tema dell’amore e della sessualità. Il Genio della Lampada in questo caso è l’Informabus municipale di Ancona, già popolare mezzo di informazione fra i giovani viste le sue rodatissime capacità di intercettarli in modo itinerante in città quale mezzo divulgativo . E l’idea, che può sembrare geniale, è in realtà semplice, pratica ma soprattutto capace di garantire altissima professionalità nelle risposte, che poi contengono in sé l’input per aprire veri e propri dialoghi e approfondimenti mirati
Un progetto in rete “Affari di cuore”, nato dalla collaborazione tra lo sportello Informagiovani-Informadonna (con sede in piazza Roma) del Comune e il Consultorio familiare dell’Asur Area Vasta 2. IL camper dell’info-servizio di strada sarà operativo – fermo quasi sempre in piazza Roma – ogni primo e terzo giovedì del mese, fino a dicembre di quest’anno, in orario 17 – 20. A bordo gli esperti del Consultorio Asur, ovvero la ginecologa Valeria Bezzeccheri e, a turno, un assistente sociale, uno psicologo, un’ostetrica, oltre alla consueta “ciurma” degli operatori Informabus, guidata da Roberto Giachi. Sessualità e amore, in uno scambio di interrogativi e dettagliate spiegazioni, sono le tematiche che potranno essere affrontate a 360 gradi, in link con la dimensione personale e collettiva, cioè declinate nel rapporto tra il singolo e gli altri.
I ragazzi – il servizio si rivolge alla fascia di età tra i 14 e 24 anni – potranno salire sull’Informabus per trovare una piccola oasi di accoglienza, dove aprirsi in massima serenità e riservatezza e formulare quesiti che vanno dalle modalità d’uso e di scelta del contraccettivo più adatto alle loro esigenze alla conoscenza del proprio corpo e dei suoi mutamenti, dalle modalità sicure e non traumatiche dei vari step e varianti del rapporto sessuale alla sfera dell’affettività (col suo carico di emozioni, sentimenti e rispetto reciproco), fino alla conoscenza, volta alla prevenzione, delle malattie sessualmente trasmissibili e dell’esperienza della gravidanza. “No limits”, nessun tabù. E per dirla in inglese “keep calm”, ovvero la chance di aprire nel massimo relax i propri “affari di cuore” ad interlocutori capaci di bypassare ostacoli come la scarsa autostima o la timidezza.
«Questo progetto in rete nasce dalla consapevolezza che ancora oggi, troppo spesso, sugli argomenti che riguardano sessualità e amore c’è scarsa e/o cattiva informazione tra i ragazzi, soprattutto in alcune fasi della loro vita, a cominciare dall’adolescenza – ha spiegato l’assessore comunale alle Politiche sociali Emma Capogrossi –. Tanto più se si considera che l’età media del primo rapporto sessuale tende ad abbassarsi sempre più, fino a 13 anni, che il rapporto sessuale viene vissuto a volte come sfida o prova di coraggio, in modo non consapevole, che i giovani tendono a scambiarsi informazioni, a confidarsi tra di loro, nel gruppo di appartenenza, spesso senza rivelare i loro dubbi in famiglia, tantomeno ai professori a scuola».

LA SESSUALITÀ DEI GIOVANI SECONDO I DATI DEL CONSULTORIO

Dai dati in possesso del Consultorio familiare risulta che anche in materia di contraccezione e Aids prevalgono dubbi e lacune di conoscenza. Senza contare che l’altro strumento privilegiato dalla “new generation” per saperne di più su amore e sesso è Internet, che può rivelarsi una info-arma a doppio taglio: perché navigando on line ci si può imbattere in siti e chat devianti più che scientificamente formativi. Proprio per questo, per evitare brutte sorprese, il progetto “Affari di cuore” si articola anche in una piattaforma web con sito e blog specifici (affaridicuore.informabusancona.it), studiati apposta per ottenere spiegazioni, informazioni, consigli, e con uno spazio forum per raccontare e scambiare esperienze personali (anche in questo caso massima garanzia per la privacy).
Gli utenti potranno rivolgersi gratuitamente all’Informabus “del cuore” da soli, in coppia o con gli amici. Se vorranno potranno tornare, o approfondite un percorso di conoscenza sui temi scelti presso la sede del Consultorio all’ex Crass (via Cristoforo Colombo 106, palazzina 23, 1° piano, tel. 071/8705062) dotato di “spazio accoglienza” e “spazio ginecologia” con relativi professionisti di settore.
Il primo appuntamento con “Affari di cuore” sarà sabato prossimo 25 marzo alle 17,30 in piazza Roma, una giornata studiata per la presentazione al grande pubblico del progetto: prima un doppio spettacolo all’aperto, con la performance di tessuti aerei della Revolè Acrobatica Aerea e l’esibizione della compagnia Motus Project di DanceLab; a seguire, all’interno dell’Informagiovani-Informadonna, si potrà partecipare a un divertente gioco a quiz, con la possibilità di vincere due biglietti per il concerto di Giorgia ad Ancona.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X