facebook rss

Ad Ancona la guida dei porti
di Marche e Abruzzo

NOMINE – Si è costituito il comitato di gestione della nuova Autorità di sistema portuale dell'Adriatico centrale. Il presidente Rodolfo Giampieri: “Strategia di sviluppo per 215 chilometri di costa”
martedì 28 Mar 2017 - Ore 19:10
Print Friendly, PDF & Email

Il presidente dell’Autorità di sistema dell’Adriatico centrale

 

E’ stato costituito oggi ad Ancona il comitato di gestione dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale, il governo della nuova super authority di Marche e Abruzzo nata dalla riforma delle Autorità portuali che avrà poteri sugli scali da Pesaro fino ad Ortona. Il comitato è guidato dal presidente Rodolfo Giampieri, già presidente dell’Autorità portuale di Ancona, a cui si affiancano per la Regione Marche l’ingegnere Giulio Piergallini, l’ex senatore Tommaso Coletti per la Regione Abruzzo, l’ingegnere Raniero De Angelis per il porto di Pesaro, l’ammiraglio Rinaldo Veri per il porto di Pescara, il contrammiraglio Francesco Saverio Ferrara per l’autorità marittima e l’assessore al Porto di Ancona Ida Simonella. Come da legge, i rappresentanti dei porti di Pesaro e Pescara interverranno alle riunioni solo quando saranno affrontate problematiche inerenti i rispettivi porti. “Con la nascita del comitato di gestione – afferma il presidente Rodolfo Giampieri -, si completano gli organi dell’autorità di sistema consentendo la piena operatività amministrativa e decisionale. Ci attendono decisioni importanti per una strategia condivisa, che vede i 215 km di costa, compresi tra Pesaro e Ortona, come un’unica banchina virtuale, orientata allo sviluppo e all’occupazione. Stanno nel frattempo arrivando le designazioni da parte delle associazioni preposte dei membri che andranno a costituire l’organismo di partenariato della risorsa mare che, pur svolgendo attività esclusivamente consultiva, fornirà un prezioso contributo rappresentando la voce e le necessità degli operatori e delle parti sociali”. Le categorie degli operatori tra cui armatori, spedizionieri e agenti marittimi, potranno indicare un rappresentante nel nuovo organismo consultivo che sostituirà il vecchio comitato portuale. Gli armatori hanno già scelto Stefania Vago come loro nome (leggi l’articolo).

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X