facebook rss

Loreto senza centro diabetologico:
i medici delle cure intermedie
istituiranno un ambulatorio

SANITA'- Il dirigente medico Paolo Lanzafame in una lettera all'utenza comunica che il servizio sarà istituito entro il mese di ottobre e, in ogni caso non oltre la fine del 2017 al Santa Casa. Nel frattempo la diabetologia del presidio saniitario di Osimo, dopo la fusione con l'Inrca di Ancona, uscirà dalla rete degli ospedali dall'Area Vasta 2
mercoledì 12 Luglio 2017 - Ore 21:56
Print Friendly, PDF & Email

L’ospedale Santa Casa di Loreto

L’ospedale di comunità di Loreto si sta “organizzando per riaprire quanto prima un nuovo ambulatorio del diabete, gestito interamente dai medici dei reparti di cure intermedie dello stesso ospedale e quindi svincolato dalla gestione dei medici afferenti all’Unità ospedaliera di Osimo, ciò in linea con le altre molteplici attività e servizi, in parte già attivi, che l’ospedale di Comunità si propone di offrire ai propri utenti”. La novità è stata comunicata in una lettera di servizio all’utenza dal dottor Paolo Lanzafame, responsabile del reparto di cure intermedie dell’ospedale di Loreto, dopo la chiusura del centro diabetologico del Santa Casa per il trasferimento di un medico all’ospedale di Osimo (leggi l’articolo).

L’ospedale Ss. Benvenuto e Rocco di Osimo

“I tempi di realizzazione del nuovo ambulatorio saranno subordinati alla creazione di un modello agile e funzionale alla pianificazione dell’impegno dei medici coinvolti nel progetto ed all’affiliazione del centro antidiabetico di riferimento per l’autorizzazione alla stesura dei piani terapeutici- aggiunge il dirigente medico. La nuova riorganizzazione delle reti cliniche, varata a giugno 2017 dall’Asur (leggi l’articolo), accorpa già l’ospedale di Osimo all’Inrca e fa sparire di fatto dalle rete dei centri diabetologici dell’area vasta 2 quello del Ss.Benvenuto e Rocco (guarda il grafico i nuovi servizi ospedalieri secondo la determina Asur 361/2017). L’ambulatorio osimano sarà gestito in tandem con la diabetologia l’Inrca della Montagnola forse già dopo settembre, quando la fusione tra le due strutture ospedaliere (leggi l’articolo) sarà ratificata e lo stabilimento ospedaliero di Osimo con il suo personale uscirà dall’Av2. Anche il nuovo servizio diabetologico di Loreto dovrà pertanto cambiare referente, collegandosi a uno degli ospedali dell’Av2 (Jesi, Senigallia o Fabriano).

“E’ nostra intenzione avviare l’ambulatorio entro il mese di ottobre – scrive infatti il dottor Lanzafame – e, in ogni caso non oltre la fine del 2017. Nel frattempo invitiamo i pazienti a rivolgersi al MMG, già sensibilizzati al riguardo e ai quali abbiamo dato la nostra piena disponibilità in caso di particolare necessità. Riguardo ai piani terapeutici, i pazienti potranno continuare a rivolgersi all’ambulatorio di Loreto che provvederà ad inoltrare le richieste al medico ncaricato presso la sede dell’ospedale di Osimo (accordi già presi), una volta effettuato il rinnovo, i piani terapeutici ritorneranno all’ambulatorio di Loreto dove gli utenti potranno provvedere al ritiro”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X